Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 603
RAGUSA - 13/10/2011
Sport - Atletica: Batù Russo Carmelo Spata, Livio Intorrella, Rina Brugaletta, Antonio Zisa e Maurizio Digiacomo

Sei maratoneti iblei alla 100 km del Senegal

Ai nastri di partenza Batù Russo, Carmelo Spata, Livio Intorrella, Rina Brugaletta, Antonio Zisa e Maurizio Digiacomo
Foto CorrierediRagusa.it

L´edizione 2011 della «100 km du Senegal» vedrà ai nastri di partenza anche una pattuglia di sei atleti iblei sotto le insegne del team «Ragusa Eventi». La formazione è formata dal capitano Batù Russo assieme a Carmelo Spata, Livio Intorrella, Rina Brugaletta, Antonio Zisa e Maurizio Digiacomo. La competizione è in programma dal 28 al 5 novembre e prevede cento chilometri in quattro prove tra cui la più lunga sarà una maratona di quarantadue chilometri.

La prima tappa di 13 km sarà ambientata tra le dune di sabbia di Lompoul compreso un breve tratto sull’immenso bagnasciuga della spiaggia atlantica. La seconda tappa di 24 km sarà corsa su strade sterrate all’interno del Parco del Djoudj circondate da migliaia di uccelli migratori che arrivano proprio in questo periodo per svernare in Africa. La terza tappa è la maratona di 42 km (Marathon d’Afrique) da correre interamente nella savana tra acacie e baobab nell’area di Rauf distante venti chilometri da Saint Louis.

Ultima tappa di 21 km sulle rive del Lago Rosa, un finale ereditato dalla mitica Parigi-Dakar che ha sempre concluso la sua galoppata africana lungo questi percorsi. A curare la preparazione atletica lo specialista Massimo Canzonieri mentre l’integrazione alimentare è stata affidata a Luca Guccione.

«Ci stiamo preparando consapevoli delle difficoltà a cui andremo incontro – dice Batù Russo – anche perché le prove sono caratterizzate da fondi differenti. Dalla sabbia sulle dune di Lompoul agli sterrati duri e compatti della seconda prova, dalla sabbia rossa e sottile della maratona, con andamento altimetrico, al percorso su fondo buono e regolare dell’ultima prova».

(nella foto: da sin. Batù Russo, Livio Intorrella, Rina Brugaletta, Antonio Zisa)