Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1068
RAGUSA - 09/10/2011
Sport - Basket: terza sconfitta consecutiva per i ragusani, gli etnei passano al PalaPadua

I giovani della Nova Virtus sotto con il Paternò, 62 - 72

Domenica prova di appello a Gravina
Foto CorrierediRagusa.it

Nova Virtus - Paternò 62 - 72

Nova Virtus: Cassì 14, Distefano M. 5, Pellegrino 2, Giarrusso 2, Mammana 5, Emmolo 8, Iurato 12, Salafia, Distefano E., Canzonieri 14. All. Recupido.

Paternò: Sciarretta 16, Rao T. 4, Rao A., Castiglione, Fiorito 10, Santonocito, Famà 11, Lo Faro 2, Zerini 19, Grasso 10. All. Del Vecchio.

Arbitri: Patti e Comito di Siracusa.
Note: spettatori 400


Rinviato l’appuntamento con la vittoria per la Nova Virtus che, dopo un brillante inizio, perde la bussola. Schizza al via la Nova Virtus (9-2 al 4’) con Iurato che fa il diavolo a quattro e si sbatte in difesa, dando l’esempio, ma una tripla di Zerini al 6’ ridà ossigeno puro agli etnei che soffrono, ma tengono il ritmo dei virtussini. Stessa solfa nel secondo «tempino» con Canzonieri invasato che mette 5 punti filati per il top degli iblei (34-22 al 19’) . Un pericoloso calo di tensione, però, mette già in allarme coach Recupido visto che Paternò resta in piena partita all’intervallo lungo (34-26).

Si riparte e Ragusa torna sul più 10, ma è solo una fiammata perché la musica è decisamente cambiata. E’ la nuova difesa dei «rossi» a mettere in ambasce i ragusani che non trovano più il feeling con il canestro né dal perimetro, né da sotto e fanno cilecca persino ai liberi (quattro errori consecutivi del quasi-infallibile Cassì la dicono lunga). E’ Walter Fiorito ad «intonare» il nuovo spartito dei rossi, mettendo la museruola a Iurato e trovando canestri incredibili in attacco, ove Zerini e Grasso fanno sentire la loro stazza. La Nova Virtus, insomma, ha perso la bussola e già al 26’ arriva il sorpasso siglato da Zerini ed il primo piccolo break ospite (41-44 al 27’). Si scuote Cassì con due triple consecutive, ma i compagni latitano ed i paternesi cesellano il periodo tutto d’oro con un parziale complessivo di 13-24 che inchioda il tabellone al 30’ sul 47-50.

L’inerzia è decisamente capovolta e gli etnei fanno 4-0 allo start dell’ultima frazione. Paternò è sempre nervosa assai (ancora un tecnico a Grasso), ma i ragazzini di coach Recupido hanno la tremarella addosso e non ne imbroccano una, arrancando sino al meno 7. Prima una «bomba» di Dario Emmolo (ottimo, malgrado sia imbottito di antibiotici) e poi ancora un acuto di Canzonieri, riportano la Nova Virtus ad un tiro di schioppo (59-60 a 2’.35’’ dal gong). Rao e soci sembrano out, ma i biancazzurri sperperano. Paternò tira un sospiro, è ora ben guidato dal solito Sciarretta che, liberissimo, piazza personalmente il «siluro» che spezza le gambe ai ragusani.

La «bomba» del più 4 ospite arriva ad 1’.40’’ dalla sirena. Per Paternò, che pure straripa nel finale, arrivano i primi due punti, la Nova Virtus rimanda l’appuntamento con il successo. Domenica ci si riproverà a Gravina.

(nella foto: una formazione della Nova Virtus)