Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1210
RAGUSA - 19/09/2011
Sport - Calcio: analisi della seconda giornata di Promozione

Promozione: Ok S. Croce e Orsa Ko Virtus Ispica e Scicli

E domenica c’è il derby Scicli-Virtus Ispica che potrebbe creare ulteriori crisi tecniche per l’una o l’altra squadra

La seconda giornata di Promozione mette sugli scudi il S.Croce e l’Or.sa mentre fa registrare preoccupanti battute d’arresto per la Virtus Ispica e lo Scicli. Il risultato più eclatante lo ha colto infatti la formazione del presidente Marco Agnello che ha vinto in casa contro il modesto Agira Nissoria con un rotondo 6-2, facendo vedere un calcio scintillante, dinamico, giocato ad alti ritmi e, soprattutto, da categoria superiore.

Certo, la squadra ennese non può indubbiamente definirsi la prima della classe ma il S.Croce ha dimostrato di assumere pian piano la statura di formazione ben quadrata e tatticamente ben preparata. Ha avuto finalmente l’apporto a centrocampo di Davide D’Agosta come elemento di costante apporto agonistico che, come un preciso tassello d’incastro, ha valorizzato il gioco di Saro Russo e, di conseguenza, degli altri uomini di valore del reparto di centrocampo e dell’attacco.

Russo infatti è ritornato a macinare gioco per le migliori finalità offensive, dosando buoni palloni per gli esterni Mattia Zisa e, soprattutto, Fabio D’Agosta che ispirato da una giornata di grazia ha creato palloni da gol, servito gli avanti, creato scompiglio nella difesa avversaria.

Il S.Croce non ci ha messo molto a passare subito in vantaggio e chiudere la partita già al 23’ grazie al 3-0 di un bravo Quintana, giovane del ’95, talento in ascesa. Un S.Croce quindi che, dopo questa vittoria, si rilancia nel campionato di Promozione, cercando però delle conferme già dal prossimo turno con la sfida con la sorpresa Scordia che oggi è andata a vincere a Rosolini. Positivo il turno anche per l’Orsa Ragusa che il tecnico Gulino è riuscito nel giro di poche settimane a far risalire di tono agonistico e di qualità. Nell’anticipo di sabato ha superato il S.Sebastiano che all’ex Enal per ben quaranta minuti però ha opposto strenua resistenza.

Il tecnico ha azzeccato gli innesti e la squadra ha risposto alla grande. Le note dolenti arrivano, sorprendentemente, dallo Scicli che a Nicosia ha avuto una battuta d’arresto da «mal di trasferta» e che non ha saputo tesorizzare quanto di buono aveva fatto vedere all’esordio di campionato. La quarta ragusana del torneo, la Virtus Ispica, delude ancora una volta le aspettative andando a perdere a Leonforte per 2-1 e confermando che non bastano gli elementi di valore per fare una squadra. La formazione ispicese infatti, costruita per fare un campionato di alta classifica, soffre di una perdurante crisi d’identità che una direzione tecnica forse al di sotto del potenziale della squadra non aiuta alla causa. E domenica c’è il derby Scicli-Virtus Ispica che potrebbe creare ulteriori crisi tecniche per l’una o l’altra squadra.