Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 818
RAGUSA - 18/08/2011
Sport - Calcio: vanno in gol con doppiette i nuovi Bonaffini, Arena e Sisalli

Ragusa già in palla, buon gioco e 7 gol al Santa Croce

Niente da fare per l’acquisto di Falco, la società alla ricerca di un portiere e di un esterno sinistro

Finisce 7 - 0 l´amichevole contro il S. Croce. Troppo netta la differenza in campo tra le due squadre. Ragusa già rodato mentre il S. Croce di Michele Santoro si deve ancora "fare". In gol sono andati Bonaffini, Nicola Arena e Sisalli che hanno realizzato doppiette e Pellegrino. Rigoli ha schierato un 4-3-3 con Arena al centro dell´attacco e Bonaffini e Sisalli esterni. Buona la preparazione atletica dimostrata dagli azzurri.

Ora per il Ragusa prima dell’inizio dell’attività ufficiale restano altri due impegni: sabato amichevole a Catania contro la Primavera etnea. Mercoledì 24 esordio in casa per il triangolare con A. Gela e Virtus Ispica dell’ex Calogero La Vaccara. Domenica l’andata di Coppa Italia contro il Modica.

Cesare Sorbo è intanto alle prese con il completamento della rosa. E’ sfumato l’acquisto di Angelo Falco, che preferisce il Modica. E’ stato provato il giovane Tiziano Paracucchi, proveniente da una squadra laziale ma il giocatore resta in prova.

Dice il ds Cesare Sorbo: «Dobbiamo completare la rosa con il portiere ed un esterno sinistro. Abbiamo tempo e ci stiamo guardando intorno. Siamo soddisfatti di come la squadra sta crescendo. Ora attendiamo gli altri test in attesa del campionato».

Nel S. Croce di Santoro le indicazioni positive per il tecnico sono venute invece dai giovani come Aprile, Agosta e Lentini che hanno dimostrato determinazione e forza di adattamento. Il centrocampo e l’attacco, mancando di un buon raccordo fra gli elementi di esperienza e i giovani, ha stentato a prendere una sua fisionomia. Ne è venuto meno il gioco del S.Croce che veniva subito neutralizzato dalla più preparata difesa azzurra. Buone indicazioni sono invece venute da Davide D’Agosta.

Il ragazzo è già molto avanti nella preparazione, grazie alle sue doti fisiche che gli hanno permesso di tenere sia atleticamente che tecnicamente e che hanno spinto il reparto a quel minimo di incisività in alcuni frangenti della partita.