Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1109
RAGUSA - 17/04/2011
Sport - Basket, serie B: nulla da fare contro la capolista Orlandina

La Nova Virtus perde il derby e retrocede in serie C

Sconfitta solo per 7 punti, 69- 76, ma la differenza in campo è stata netta
Foto CorrierediRagusa.it

Nova Virtus - Capo d’Orlando 69-76

Nova Virtus: Terrana 12, Casale 8, Distefano ne, Blanda 10, Vani 9, Mammana ne, Sorrentino An.11, Giordo 5, Spizzichini 10, Sorrentino Al. 4 All. Recupido.

Upea: Caruso 13, Agosta 6, Caprari 13, Albertinazzi 18, Zampolli 10, Di Dio, Caula ne, Saponi 16, Rossi, Peresini ne. All. Condello.

Arbitri: Posti e Pepponi di Perugia.

Note: spettatori 1200; tiri da due: Ragusa 18 su 38, Capo d´Orlando 17 su 28; tiri da tre: Ragusa 6 su 17, Capo d´Orlando 4 su 17; tiri liberi: Ragusa 15 su 24, Capo d´Orlando 30 su 37. Rimbalzi: Ragusa 21, Capo d´Orlando 29; palle perse: ragusa 19, Capo d´Orlando 17.


La Nova Virtus non fa il miracolo e retrocede mestamente in C dilettanti, mentre l´Upea conserva il primato.

Inaffondabile la corazzata paladina, per niente «intenerita» dallo stato di bisogno assoluto dei ragusani che, vincendo, si sarebbero salvati ai danni del pur vittorioso Bari, in virtù della classifica avulsa con Bari e Bernalda, sconfitta a Campobasso.

La Nova Virtus ci ha provato in partenza. Malgrado lo 0-5 in un flash griffato da Caprari, si è portata avanti al 7’ (14-12) grazie alla performance di Vani. Caprari ed Agosta davano l’incipit al primo break di 1-9 e mettevano a puntino il turbo orlandino (17-22 al 10’).

La Nova Virtus è ripartita bene (4-0 e 21-22 al 12’), ma poi si è sciolta come neve al sole, dinanzi all´imperioso e micidiale parziale di 0-11 ospite che porta l´autografo dell’irrefrenabile Gionata Zampolli (10 punti nel «tempino» e poi scomparso di scena), pronto a spaccare il muro ibleo. Dalla parte opposta l’alternanza di difese (individuale ed 1-3-1- ordinata da coach Condello) ha letteralmente mandato in panne l’attacco di casa. Eloquente quanto recitava il tabellone al riposo lungo: 26-44 e gara pressoché in cassaforte per i primi della classe.

Si riparte e l’ex oriundo argentino Martin Caruso confezionava la tripla del top (28-48 al 23’), mentre Ragusa sbaglia l’inenarrabile sotto le plance e dalla lunetta. i virtussini vivevano solo una fiammata accesa dall’effervescente Blanda (8 punti filati per il 36-48 del 28’), ma era il solito Marco Caprari, rimasto a lungo in panca anche a causa dei falli, a scagliare la «bomba» che faceva crollare i sogni di rimonta virtussini. Anche perché Spizzichini commetteva il quarto fallo, di cui due in fotocopia, rubando altrettante palle a Saponi che ringraziava per la «grazia» ricevuta da fischietti suggellando dalla lunetta.

Storia che si sarebbe ripetuta anche nella quarta frazione con Giordo dinanzi agli occhi di un Recupido imbufalito, ma che gli arbitri incredibilmente hanno lasciato fare, forse pervasi da qualche senso di colpa. Intanto il terzo periodo si chiudeva sul 40-54.

Ultima frazione, con la disperazione leggibile sugli occhi degli iblei. Due siluri di Sorrentino junior davano la scossa, mentre l’Upea litigava paradossalmente con il canestro, realizzando solo un canestro su azione nei 10 minuti conclusivi. Ma il direttore d’orchestra Albertinazzi portava a spasso i difensori, li costringeva al fallo e randellava dalla linea della carità, perfettamente emulato proprio da Saponi (30 su 37 ai liberi per l’Upea). La Nova Virtus, pian piano risaliva la china e preferiva apparecchiare da sotto per Terrana, Spizzichini e Giordo. Arrivava sino a meno 5 (69-74) ma il tempo per il... miracolo era già scaduto.

I risultati della 13ma giornata di ritorno:
Mens Sana Campobasso – Bernalda 88-64
Cus Bari – Martina Franca 81-80
Francavilla – Melfi 68-45
Corato – Catanzaro 76-79
Nova Virtus - Capo d’Orlando 69-76
Reggio Calabria – Acc. Britannica CB 72-56
Ceglie – Benevento 82-68

La classifica:
Capo d’Orlando 40
Reggio Calabria 40
Martina Franca 34
Francavilla 34
Accademia Britannica CB 30
Corato 30
Mens Sana CB 30
Ceglie 26
Catanzaro 26
Melfi 20
Bernalda 16
Cus Bari 16
Nova Virtus Rg 14
Benevento 8

Capo d´Orlando, Reggio Calabria, Martina Franca, Francavilla, Accademica Campobasso, Mens Sana Campobasso e Ceglie ai play-off.
Ragusa e Benevento retrocesse in C dilettanti, Catanzaro, Melfi, Bernalda e Bari ai play-out