Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 813
RAGUSA - 04/04/2011
Sport - Basket serie B dilettanti: buona prova degli iblei

Stravince la Nova Virtus con l’Alcaro Catanzaro

La retrocessione diretta, forse, potrà essere scongiurata solo facendo il pieno nelle ultime due partite
Foto CorrierediRagusa.it

Nova Virtus Ragusa - Alcaro Catanzaro 76 - 59

Nova Virtus: Terrana 12, Casale 10, Blanda 3, Distefano M. ne, Vani 13, Mammana ne, Sorrentino An. 11, Giordo 8, Spizzichini 19, Sorrentino Al.ne All. Recupido.

Catanzaro: Saccoccio 5, Battaglia ne, Mlinar 22, Di Marco 9, Ippolito ne, Fevola 8, Motta ne, Radovanovic 5, Candela 4, Cattani 6. All. Restivo.

Arbitri: Sestini di Arezzo e Solfanelli di Livorno.

Note: parziali 20-18; 37-29; 53-41; spettatori 900; tiri da due: Ragusa 23 su 37, Catanzaro 18 su 39; tiri da tre: Ragusa 6 su 21, Catanzaro 4 su 14; tiri liberi: Ragusa 12 su 18, Catanzaro 11 su 15; rimbalzi: Ragusa 29, Catanzaro 23; palle perse: Ragusa 15, Catanzaro 17. Mvp: Spizzichini con 25 di valutazione (7 su 10 da due, 0 su 3 da tre, 5 su 6 ai liberi, 10 rimbalzi)


Stravince la Nova Virtus con l’Alcaro Catanzaro, ma la classifica non migliora per i siculi. Anzi, diventa ancor peggio il quoziente canestri nei confronti della diretta rivale Bari che spadroneggia contro l’ormai spacciato e derelitto Benevento, massacrato dai pugliesi (91-68). Nova Virtus e Bari, dunque, ancora appaiate e con pari differenza canestri: Nova Virtus di scena domenica sul parquet dell´Accademia Campobasso, più agevole il compito di Bari a Melfi, prima dell´ultimo confronto casalingo di Ragusa con Capo d´Orlando e di Bari con Martina Franca.

Ben più ingrato il compito degli iblei: Benevento ha smobilitato e Bari non ha problemi, mentre Catanzaro è in piena bagarre play-off, ma in chiara involuzione e fiaccato anche dal primo caldo primaverile. La Nova Virtus, perciò, parte a razzo con tripla di Casale e guizzo nella difesa schierata di Terrana (5-0 al 2’), ma subisce presto l’imperioso contro-break (0-9) calabro firmato dal duo Mlinar-Fevola (9-13 al 7’) che dà agli ospiti l´unico vantaggio della contesa. E´ ancora Casale, insieme a Spizzichini, a rimettere le cose a posto con la seconda tripla personale del «tempino» (20-18 al 10’).

La Nova Virtus ha decisamente più voglia, i calabresi non mordono neanche un po’ e Spizzichini continua a fare il diavolo a quattro nel pitturato. Con le penetrazioni affetta-difesa di Terrana (contro i baluardi schierati, la platea ragusana lo vorrebbe sempre in slalom vincente!) la Nova Virtus ascende a più 10 (33-23 al 17’). Nell’Alcaro è il solo Mlinar, incontenibile, a segnare, a parte l’ultima fiammata del match di Fevola (37-29 al riposo lungo).

Alla ripartenza è ancora Mlinar che griffa il tabellino con due cesti di classe e mette la «tremarella» tra gli iblei (40-36 al 24’), ma la replica arriva da «Zorro» Sorrentino, mentre anche il totem Andrea Vani prende coraggio in attacco e contiene bene Mlinar in difesa. Sulla «bomba» di Giordo, la Nova Virtus fa capire che non vuole correre rischi (53-38 al 30’), ma anche il pur abulico Saccoccio si ricorda che sa metterla dentro dal perimetro, rifilando 5 punti filati agli iblei che comunque limitano i danni (53-41 al 30’).

Al via dell’ultima frazione sale di tono «Ercules» Radovanic (5 punti in un amen) che però incappa nel quarto fallo. Ragusa ha grandi problemi nello smistar palla e nel trovare tiri comodi, ma ha ancor più il merito di isolare il temibile Mlinar. L’ordine, dall´altro lato, è ora di servire Vani che, infatti, rifila all´Alcaro 6 punti chirurgici. A scacciare ogni paura, comunque, è ancora Sorrentino junior che centra l´obiettivo con il terzo siluro personale, ingemmato nell´azione successiva da una conclusione dalla media.

Mancano 120 secondi alla sirena e il tabellone illumina il Palapadua (70-55). La gara è nella cassaforte della Nova Virtus, la bomba di Di Marco (l’oriundo argentino gioca a sprazzi come l’ex Cattani, notevolmente appesantito) non fa paura. La Nova Virtus allarga ancora la forbice per il quoziente canestri ma Bari fa decisamente meglio contro... nessuno. La retrocessione diretta, forse, potrà essere scongiurata solo facendo il pieno nelle ultime due partite, con Bernalda che potrebbe clamorosamente rientrare nei giochi.

Nella foto Stefano Spizzichini schiaccia a canestro

I risultati della XI giornata di ritorno
Mens Sana CB – Melfi 0 - 0
Bari – Benevento 91-68
Francavilla – Bernalda 81-52
Corato – Accademia Britannica CB 75-73
Nova Virtus – Catanzaro 76-59
Reggio Calabria – Martina Franca 61-59
Ceglie – Capo d’Orlando 47-54

La classifica
Capo d’Orlando 36
Reggio Calabria 36
Martina Franca 32
Francavilla 32
Accademia Britannica CB 28
Corato 28
Mens Sana CB 26
Catanzaro 24
Ceglie 22
Melfi 18
Bernalda 16
Nova Virtus Rg 14
Cus Bari 14
Benevento 8
Mens Sana e Melfi una partita in meno