Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 787
RAGUSA - 13/02/2011
Sport - Pallamano: sconfitta immeritata per gli iblei

Pallamano Reùsia soccombe a Palermo nel finale

"E’ come se qualcuno avesse spento la luce nelle battute conclusive del match – afferma il tecnico Cappello – abbiamo subito un parzialone di 7-0 da cui non siamo più stati in grado di riprenderci"

Gioca benissimo la Pallamano Reùsia. Poi, un black out nella fase finale, costringe il sette di Saro Cappello alla resa. Davvero un peccato per il team ragusano non essere riuscito, oggi pomeriggio, in trasferta, ad avere la meglio sullo Scinà Palermo nella sfida al vertice per decidere la squadra che avrebbe agguantato il secondo posto nella classifica del campionato di serie B. E’ finita 25-22 per i padroni di casa, con i reùsini a mangiarsi le mani per le occasioni mancate.

«E’ come se qualcuno avesse spento la luce nelle battute conclusive del match – afferma il tecnico Cappello – abbiamo subito un parzialone di 7-0 da cui non siamo più stati in grado di riprenderci. Ma non solo. Ci sono state comminate una serie di espulsioni da due minuti che, di fatto, ci hanno penalizzato, essendo costretti a giocare in inferiorità numerica». Il primo tempo si era concluso 11-8 per i ragusani. I quali si erano espressi sin dall’inizio del match con una certa decisione, dimostrando di poter competere alla pari con i più quotati avversari.

«Anche la loro – continua Cappello – è una squadra giovane come la nostra che si è ben comportata nel corso della stagione. Era, dunque, interessante capire che cosa ne sarebbe venuto fuori da questa sfida. In effetti, abbiamo giocato con grande dispendio di energie, da una parte e dall’altra. Nel finale, però, abbiamo concesso loro moltissimo. Oltre ad aver commesso, per quanto ci riguarda, una serie di errori che non ci hanno più permesso di riprendere in mano il pallino del gioco. Quando affermo che ci dobbiamo salvare, lo dico a ragion veduta.

Perché la nostra è una squadra talmente poco adusa a situazioni del genere che, come appunto accaduto oggi, si possono verificare dei momenti di vuoto che, pur essendo avanti di quattro lunghezze ad una manciata di minuti dal termine, era il nostro caso, fanno ribaltare l’intera situazione. Ad ogni modo, non era la partita da vincere. Ora ci prepariamo per i tre turni casalinghi nel corso dei quali dovremo necessariamente agguantare i punti che ci serviranno per chiudere in via definitiva il discorso legato alla permanenza in serie B. Tutto il resto lo gestiremo con la dovuta soddisfazione di una squadra che sa di poter puntare a fare ancora meglio e di più di quanto già non sia accaduto».