Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 763
RAGUSA - 28/11/2010
Sport - Pallamano: finisce 15 a 19 contro il forte Gonzaga a Messina

La Pallamano Reùsia vince soffrendo in trasferta

Il tecnico Cappello non è contento della condotta di gara

L’unica cosa da salvare sono i tre punti. Per il resto, la Pallamano Reùsia, nel match contro il Forte Gonzaga, a Messina, ha dato vita ad una condotta di gara assolutamente sotto tono, nulla a che vedere con il sette frizzante e vivace che domenica scorsa aveva battuto il Valens a Palermo. Secondo successo consecutivo in trasferta per la squadra dell’allenatore-giocatore Saro Cappello che anche stavolta, quando si è reso conto che la gara, cominciata sotto i migliori auspici per i ragusani, avrebbe potuto prendere una brutta piega, si è visto costretto a scendere in campo.

E’ finita 15-19 per la Pallamano Reùsia con la squadra iblea che non ha saputo assestare il colpo di reni necessario per gestire il match in tutta tranquillità. Un grosso pericolo quello corso dai reùsini che hanno chiuso il primo tempo avanti di nove lunghezze (3-11) e che, complice forse l’eccessiva deconcentrazione, hanno rischiato di essere riacciuffati dai peloritani. «Abbiamo giocato al venti per cento delle nostre possibilità – chiarisce Cappello – il rendimento di una formazione già di per sé rimaneggiata è stato poi condizionato dalle espulsioni di Rotta e Firrito. Una situazione che stava diventando critica tant’è che ho dovuto far esordire in campo i quindicenni del nostro gruppo, Marco Ottaviano, Adriano Lucifora e Giovanni Ragusa, che hanno così bagnato l’esordio in serie B con una vittoria. La mia squadra, però, non mi è piaciuta.

Siamo in grado di dare molto di più. Ecco, stiamo parlando degli alti e bassi con cui ti trovi ad aver da fare quando sei alle prese con una squadra giovane. C’era forse la sensazione di dover fare una passeggiata a Messina. Abbiamo fatto crescere, di minuto in minuto, i nostri avversari che hanno sicuramente messo più cuore di noi. Per fortuna che il tempo è scaduto e non ce l’hanno fatta a riprenderci. Lo ripeto. L’unica cosa positiva di oggi sono i tre punti. Dobbiamo rivedere parecchie cose. Abbiamo una settimana di tempo per prepararci al meglio, in vista della prossima sfida». Grazie ai risultati di questo week end, la Pallamano Reùsia si trova al terzo posto in classifica, dopo cinque giornate, alle spalle del duo di testa. E con una gara ancora da recuperare.

«Se me lo avessero detto all’inizio, con una squadra di giovanissimi come la nostra – prosegue Cappello – non ci avrei mica creduto. E’ ovvio che questa posizione non ci fa esaltare nel senso che sappiamo che dobbiamo mettere quanto più combustibile nella nostra macchina per raggiungere il prima possibile il traguardo della salvezza. L’inizio di stagione è stato positivo. Speriamo di continuare così». Tra le poche note positive di oggi, il rientro in squadra dell’ala destra Giorgio Noto. Anche lui, però, fagocitato dalla mediocre prestazione di tutto il gruppo. Questo il tabellino della Pallamano Reùsia: Parasiliti, Raniolo 2, Criscione 3, Schembari 3, Firrito 1, Ottaviano, Rotta 2, Cappello 5, Ragusa, Noto 3, Lucifora.