Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:40 - Lettori online 1415
RAGUSA - 21/11/2010
Sport - Basket serie B: il gioco corale degli iblei alla lunga annichilisce i lucani

La Nova Virtus schianta l´Invicta Melfi

Un quarto periodo giocato al calor bianco regala alla Nova Virtus un netto successo
Foto CorrierediRagusa.it

Nova Virtus Ragusa - Invicta Melfi 79 - 63

Nova Virtus:Vani 8, Blanda 2, Casale 13, Giordo 18, Parrino, Sorrentino An. 11, Canzonieri, Sorrentino Al.11, Emmolo. All. Recupido.

Invicta Melfi: Falcone 2, Di Pierro 6, Onetto 13, Castoro, Venturelli 21, De Angelis ne, Bruno 6, Filloy 12, Malpede, Blardone 3. All. Russo.

Arbitri: Barilani di Roma e Santella di Gaeta.

Note: parziali 18-21; 40-43; 57-52


Un quarto periodo giocato al calor bianco regala alla Nova Virtus un netto successo ai danni dell´Invicta Melfi, capace, appena sette giorni orsono, di mettere sotto, per la prima volta nell´anno, la Liomatic Viola Reggio Calabria, ma che a Ragusa, appena è andata in difficoltà, si è affidata ai singoli (prima Venturelli, poi Onetto e Filloy, alla fine Di Pierro), presto imbavagliati dagli assatanati difensori di casa.

La Nova Virtus è incerottata e senza il play Terrana, con Blanda, Andrea Sorrentino e Parrino in condizioni fisiche disastrose. Ha però il cuore grande così e, soprattutto, gioca di squadra. Coach Recupido spreme i suoi e da tutti ottiene di... più.

In partenza, gli iblei subiscono la verve di Venturelli e dell´ex Filloy (7-11 al 5´), ma la difesa alternata sul vice capocannoniere del torneo darà alla lunga copiosi frutti. Con Giordo e Casale, ma soprattutto con lo strepitoso Carmelo Mammana (che taglio il «colorato» come burro, trovando sempre il cesto), i ragusani replicano botta su botta, anche se sono costretti sempre ad inseguire (18-21 al 10’). Venturelli continua a spadroneggiare tra i lucani che volano sul più 8 per il tecnico ad Ale Sorrentino (22-30 al 13’), ma arriva l´imperiosa «striscia» del fratello Andrea (due triple e due liberi in un amen) che ricuce il gap, anche se al riposo lungo è sempre l´Invicta con il muso avanti (40-43).

Si riparte e cambia l´inerzia del match, perché le rotazioni di Gianni Recupido consentono di tenere alta l´intensità difensiva e lucidità in attacco. Arriva il sorpasso firmato da Vani (44-43 al 22’), mentre il solito effervescente Giordo non si limita a fare solo da chioccia per i compagni e da barriera insuperabile in difesa, ma apporta mattoni su mattoni pure in attacco. La Nova Virtus schizza avanti, ma il «tempino» si chiude con una tripla del carneide Blardone (57-52 al 30’).

L’ultima frazione è solo sinfonia biancazzurra: cervello fino Casale apparecchia per tutti e non disdegna pure di flirtare con il cesto, soprattutto dalla linea della carità, Parrino spara la tripla dall´angolo e Zorro Sorrentino, ad onta del ginocchio in malora, piazza un´altra «bomba» e la Nova Virtus prende a volare (66-52 al 35´), griffando un mortifero 9-0. I potentini non demordono, con Di Pierro e Onetto ribattono con un contro-break di 0-6, ma la musica è ormai celestiale solo per Ragusa, implacabile dalla lunetta. I siculi volano sinanco sino al 79-61 (ancora Mammana) e chiudono in assoluto relax, con il sedicenne Emmolo all´esordio in B dilettanti ed il quindicenne Canzonieri che prova pure lui, senza fortuna, a metterla dentro.

Nella foto Marcello Giordo