Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1130
RAGUSA - 19/11/2010
Sport - Calcio Eccellenza: dopo il cambio di panchina voluto dal presidente Rimmaudo all’Aldo Campo arriva la capolista

Esordio terribile per il Ragusa del nuovo tecnico Vaccaro

Il presidente ha chiesto una prova di orgoglio per cominciare una nuova fase della stagione
Foto CorrierediRagusa.it

E’ il momento di Corrado Vaccaro (nella foto). L’ex portiere azzurro si siede in panchina per guidare il Ragusa contro la capolista Biancadrano.

E’ un esordio difficile ma il neo tecnico azzurro non si scompone «Ho trovato una squadra ben preparata e convinta delle proprie possibilità. Cercherò di sfruttare al meglio le caratteristiche dei giocatori a disposizione per dare al pubblico le soddisfazioni che merita».

L’avvento di Vaccaro è stato vissuto senza particolari traumi; la squadra si è allenata agli ordini del nuovo allenatore ed ha incontrato il presidente Giuseppe Rimmaudo che è stato molto chiaro «Voglio i risultati –ha detto il presidente- Non è possibile che il Ragusa si trovi a otto punti dalla testa della classifica».
Rimmaudo non è affatto pentito del cambio di panchina «Avrei dovuto farlo prima –ha detto- Abbiamo perso quattro partite su cinque in trasferta». Da parte loro i tifosi attendono la reazione della squadra e sono pronti a farsi sentire come hanno fatto domenica a Vittoria quando hanno contestato i giocatori.

Corrado Vaccaro ha provato tutti i giocatori nel corso della partitella in famiglia di giovedì. Solo Vindigni non ha giocato perché a riposo precauzionale ma il difensore è recuperabile. Vaccaro non cambierà molto come uomini ma adotterà uno schieramento più coperto per proteggere la difesa. Queste sono almeno le intenzioni anche perché di fronte c’è la capolista.