Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 473
RAGUSA - 14/11/2010
Sport - Calcio Eccellenza: prova disastrosa della squadra di Di Giacomo che perde 4-2

Calcio: Trecastagni a valanga su un S. Croce irriconoscibile

Non bastano due rigori alla squadra camarinense per ribaltare il risultato

S. Croce Camerina - Trecastagni 2 – 4

SANTA CROCE CAMERINA : Scifo G. 6, De Maria 5, Sella 5, Romeo 5.5, Buoncomoagni 4.5 (7’st ’Guarino 6), D’Iapico 5, Incardona 5.5, Russo 6 (35’st Nasello sv), Gambino 5, Elamroui 5, Scifo S. 6. All: Di Giacomo.

TRECASTAGNI : Saitta sv, Spartà 5, Daidone 6, Vezzosi sv (28’ Gre-gni 6), Cutrufello 6 (45’ Tomarchio 6), De Silvestro 6,5, Indelicato 6,5, Femiano 6,5, Martelli 7 (37’st Maieli sv), Montalto 6,5, Gerrasi 6. All. Bella.

Arbitro: Boscarino di Siracusa 6

Marcatori: 14’ e 17’st Montalto, 41’ Martelli (rig), 26’ st Elamroui (rig), 27’ Gerrasi, 30’ st Gambino (rig)

Note : spettatori circa 200. Angoli 4-4. Espulso al 25’st Spartà.

Dall’onore alla polvere. Il S.Croce passa nel giro di sette giorni dalla migliore alla peggiore partita di campionato subendo una pesante sconfitta dal Trecastagni non solo in termini di risultato ma di gioco e determinazione . La formazione di Digiacomo ha sciorinato infatti una prestazione da film dell’orrore, inconcludente e disastrosa, che gli stessi giocatori, il tecnico e i dirigenti non riescono a spiegarsi e che ha vissuto di episodi negativi, inimmaginabili solo sette giorni fa, prodotti da un organico di elementi che in passato hanno fatto vedere ottime cose.

La squadra si è dimostrata inspiegabilmente irriconoscibile, per larghi tratti lenta e impacciata, svogliata e, quel che è peggio, senza quei minimi requisiti tecnici di formazione che gioca un campionato di Eccellenza. L’atteggiamento disastroso della formazione santacrocese, che, lo ricordiamo, giocava per l’ennesima volta in campo neutro, visto il perdurare dell’indisponibilità dello stadio comunale di S.Croce, è apparso subito evidente dall’inizio della partita. Al 14’ la difesa biancazzurra, dimostratasi una delle più forti del campionato ad inizio stagione, permetteva di far sgattaiolare indisturbato Montalto sulla fascia, senza riuscire minimamente a contrastarlo e di involarsi in rete per l’1-0.

Subito il gol il S.Croce non dava segni di reazione, continuava a praticare un gioco inconcludente e rimaneva in balia del Trecastagni che al 41’ raddoppiava con Martelli su rigore, decretato per un incredibile fallo di mano in area di D’Iapico, irriconoscibile e insufficiente dal punto di vista caratteriale e della determinazione. Nella ripresa il S.Croce continuava nella sua pessima prestazione subendo il 3-0 al 17’ ancora con Montalto che si incuneava indisturbato nella difesa avversaria e insaccava alle spalle di un incolpevole Scifo. La squadra di casa al 26’ poteva riapriva la partita con un rigore trasformato da Elamroui e che portava all’espulsione di Spartà.

Il gol però anziché animare la formazione biancazzurra sembrava che l’avesse anestetizzata in quanto il Trecastagni, ripartito dalla palla a centro, metteva nelle condizioni la punta Gerrasi di presentarsi solo contro quattro difensori biancazzurri e a segnare indisturbato il 4-1. Il S.Croce si portava al 30’ sul 4-2 con un rigore trasformato da Gambino ma non riusciva nei quindici minuti finali ad agguantare il pareggio.