Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 759
RAGUSA - 14/11/2010
Sport - Pallamano: grazie a grinta e incitamento

Pallamano: Prima vittoria stagionale per la Reùsia Rg

Il sette allenato da Saro Cappello ha raggiunto l’obiettivo che si era posto alla vigilia
Foto CorrierediRagusa.it

Convincente vittoria della Pallamano Reùsia. Alla palestra «Sebastiano Parisi» di Ragusa, il sette allenato da Saro Cappello ha raggiunto l’obiettivo che si era posto alla vigilia, la prima vittoria stagionale. Contro lo Scinà Palermo, squadra oggettivamente alla portata dei ragusani, questi ultimi hanno dato vita ad una prestazione tonica, molto aggressiva, conducendo il match dal primo all’ultimo minuto. Verso la fine, poi, è venuta fuori la classica paura di vincere, che attanaglia soprattutto le squadre più giovani, come è appunto la Pallamano Reùsia.

Ma la grinta e l’incitamento di Cappello sono serviti, in questa occasione, a risolvere il temporaneo black out (basti pensare che lo Scinà si era portato sotto di una lunghezza a tre minuti dalla fine) e a chiudere la gara nella maniera voluta, conquistando tre punti che serviranno parecchio per la classifica. E’ finita 32-29, con gli applausi del pubblico che ha voluto così sottolineare il nuovo corso di una Pallamano Reùsia quasi del tutto rinnovata rispetto alla scorsa stagione, che, dopo la promozione in serie B, ha voluto fare largo affidamento sui giovani.

E’ un organico che sta crescendo e che già al secondo impegno stagionale (per il campionato era, invece, la terza giornata visto che il sette ibleo ha ancora una partita, quella d’esordio con il Mazara, da recuperare) ha dimostrato di possedere i numeri per poter fare bene e per conquistare la salvezza che la dirigenza ha posto come traguardo minimo da concretizzare. «Abbiamo dato vita ad un buon inizio – commenta il tecnico Cappello – ci siamo mostrati subito molto reattivi, mettendo in difficoltà gli ospiti che hanno avuto più di un problema a cercare di recuperare il distacco. Continui i capovolgimenti di fronte con due squadre che, secondo me, hanno giocato una buona pallamano, al di là delle posizioni occupate in classifica. Per noi, era fondamentale vincere il match perché dovevamo acquistare un poco di fiducia nelle nostre potenzialità. E devo dire che siamo riusciti nell’intento».

Nella seconda parte della partita odierna, quando lo Scinà stava mettendo fuori gli artigli, l’esaltante performance dei due portieri ragusani, è servita ad evitare il sorpasso. Sugli scudi, in particolare, il giovane Francesco Parasiliti, vero e proprio portabandiera della Pallamano Reùsia, che, con le sue parate nei momenti topici della sfida di oggi, ha evitato che lo Scinà non solo ottenesse il sorpasso ma anche e soprattutto che potesse galvanizzarsi e, sull’onda dell’entusiasmo, garantirsi un successo che, alla luce dell’andamento di tutta la gara, non sarebbe stato meritato.

«Abbiamo un gruppo magnifico – commenta ancora Cappello – che vuole giocare a pallamano per migliorare partita dopo partita. Nel giro di una settimana, mi sono accorto che siamo cresciuti. Non voglio parlare del valore intrinseco dell’avversario. Mi interessa capire la reattività di cui è stata capace la nostra squadra. E devo dire che il risultato complessivo mi soddisfa. E’ il modo migliore per andare avanti. Ma non illudiamoci. Perché il campionato è ancora lungo e sono tante altre le sfide complesse e difficili che saremo chiamati a sostenere».

Nella foto il portiere Francesco Parasiliti