Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 820
RAGUSA - 06/11/2010
Sport - Basket: una gara che vale doppio per il sestetto ibleo

Basket: Nova Virtus contro l´ostico Cus Bari per la salvezza

Per la Nova Virtus il confronto, questa volta, non appare impari, soprattutto perche Bari,al pari degli iblei, non eccelle sotto le plance, anzi manca completamente di un totem di ruolo Foto Corrierediragusa.it

Sesta giornata del campionato di B dilettanti e la Nova Virtus è di nuovo al bivio: domani, infatti, la squadra di coach Gianni Recupido ospiterà il Cus Bari (Palapadua ore 18, arbitri Rinaldi di Salerno e Roca di Avellino), ossia una contendente diretta nella lotta per la salvezza. Una gara, dunque,come quella vittoriosa di due settimane addietro a Benevento , che vale doppio e che la Nova Virtus, giocando tra le mura amiche (si tratta della seconda partita consecutiva interna, dopo la sfortunata esibizione con la Liomatic Viola Reggio Calabria), non può assolutamente fallire.

Avversario assai ostico, il Cus Bari: il coach Pasquale Scoccimarro può contare su un roster giovane, ma di sicuro affidamento. Stella del team è Domenico Barozzi, ruolo 3-4, ma capace,in caso di necessità, di destreggiarsi persino da pivot. Ma Barozzi è soprattutto un atleta dalla mano assai calda. Buoni tiratori anche l’esperto play Roberto Cancellieri e gli esterni Roberto Rollo e Luca Ciocca. Le altre guardie sono Giancarlo Cipulli e Cristian Vernillo. Sotto le plance agiscono Cosimo Picuno e Andrea Fui, mentre completano l’organico i giovani Antonio e Gennaro De Feo. Una formazione, quindi, che manca di un pivot di ruolo e di spessore.

Nell’ultimo turno, Bari ha vinto il derby con il Corato di Valerio Corvino, dando seguito alla precedente vittoria interna con Ceglie. I cusini, dunque, appaiono in classifica la Nova Virtus a quota 4,ma non hanno mai vinto in trasferta.

Per la Nova Virtus il confronto, questa volta, non appare impari, soprattutto perche Bari,al pari degli iblei, non eccelle sotto le plance, anzi manca completamente di un totem di ruolo. Bisognerà fare i conti, però, con una compagine molto aggressiva, di gran carattere, che sporca ogni linea di passaggio e che è adusa a mettere «le mani addosso» ai tiratori avversari. Dall’altro lato, invece, Bari attacca con velocità, provando conclusioni a ripetizione, magari a scapito della precisione. Ciò nondimeno, l’attacco barese è tra quelli più prolifici del girone.

La Nova Virtus si è allenata durante la settimana molto intensamente, conscia dell’importanza e delle delicatezza del confronto. Lo staff-tecnico ibleo, seppur solo da mercoledì sera, ha potuto contare anche su Carmelo Mammana, pronto al rientro e a dare qualche minuto di prezioso ossigeno a Vani e a Giordo, dopo 20 giorni passati in infermeria. Qualche acciacco (ma nulla di particolare) per il capitano Alessandro Sorrentino che vuole confermare il buon momento di forma. In palese crescita di condizione è apparso Giulio Casale.

"Questa settimana - ha commentato il vice allenatore Massimo Di Gregorio (nella foto) – ci siamo sacrificati in palestra come non mai. Troppo importante la gara con il Bari per poter lasciare al caso anche il più piccolo particolare! Ma domenica il pubblico dovrà essere caldo ed appassionato, un vero e proprio sesto giocatore sul parquet: i punti con Bari valgono doppio e non possiamo permetterci il lusso di perdere".