Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 548
RAGUSA - 31/10/2010
Sport - Calcio eccellenza: sconfitta di misura per gli azzurri sul campo della capolista

Calcio: un gol di Sirugo condanna il Ragusa ad Avola

I giocatori azzurri contestano la rete del vantaggio avolese, Vindigni espulso

Real Avola Ragusa 2 1


Real Avola: Tarantino, Mangiameli, Tamburella (30’ st Montalbano), Casisa, Ulma, Ricca, Catania (18’ st Cilio), Sciannimanico (1’ st Sirugo), Costanzo, Unniemi, Saraceno. A disp. La Marca, Costa, Vaccaro, Provenzano. All. De Leo.

Ragusa: Muratore, Gona, Milazzo, Benedettino, Vindigni, Sapienza, Arena, Languanti F., La Vaccara, Raciti (39’ st Pellegrino), Petrolà. A disp. Mazza, Migliorisi, Angelica, Linguanti L., Muskay, Sigona. All. Lucenti.

Arbitro: Cascone di Nocera Inferiore, assistenti Fazio e Giuffrida di Acireale.

Reti: 15’ pt Saraceno, 26’ pt Milazzo, 28’ st Sirugo.


Partita equilibrata al «Meno Di Pasquale» ed alla fine la spunta l’Avola.

I rossoblù di casa vincono grazie ad un gol a dieci minuti dalla fine realizzato da Sirugo ma contestato vivacemente dai giocatori azzurri per un sospetto fuorigioco. Sirugo in effetti si trova solo davanti alla porta ma non ci pensa due volte a mettere in rete. Davanti ad pubblico numeroso il Ragusa parte bene anche se soffre il duo Costanzo-Sirugo.

E’ l’esterno Saraceno a portare in vantaggio i padroni di casa ma Milazzo, al suo secondo gol risponde dieci minuti dopo con un bel diagonale da fuori. Il primo tempo si chiude sul pari anche se con una supremazia territoriale dell’Avola. Nel secondo tempo squadre che si battono a viso aperto con l’Avola che preme di più. Sirugo sblocca il pari partendo sul filo del fuorigioco e dà i tre punti all’Avola. Vindigni protesta vivacemente ed è espulso.

Facce buie nello spogliatoio azzurro per quello che viene subito come un torto ed una sconfitta immeritata