Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1191
RAGUSA - 20/10/2010
Sport - Calcio, Eccellenza: agli azzurri non bastano due gol di Arena

Calcio: solo 2-2 con l´Avola, il Ragusa esce dalla Coppa Italia

Gaetano Lucenti ha mandato in campo una squadra giovane pensando alla sfida di domenica contro il Città di Messina Foto Corrierediragusa.it

RAGUSA AVOLA 2 - 2 (andata 0 -1)

Non bastano due gol di Arena al Ragusa per passare il turno di Coppa Italia. All’Aldo Campo l’Avola conquista un pari a suon di gol ed anche grazie alla vittoria di misura conseguita all’andata si qualifica. La gara è stata giocata a viso aperto da entrambe le squadre che sono scese in campo con parecchi giovani.

I due tecnici non hanno voluto rischiare più di tanto; soprattutto il Ragusa che è atteso domenica dallo scontro con il Città di Messina. Passano per primi in vantaggio gli ospiti con Costanzo, replica il Ragusa nel finale di tempo con un bel gol di Arena.


Nella ripresa attacca il Ragusa ma è l’Avola a farsi viva ancora con Costanzo ed a passare in vantaggio. Recupera per la seconda volta il Ragusa con il vivace Arena che fissa il risultato sul 2 -2. Coppa Italia conclusa per gli azzurri che devono concentrarsi ora sul campionato per recuperare in classifica e non perdere il treno delle prime.



LA SCONFITTA CONTRO L´AQUILA CALTAGIRONE


Ed il presidente si arrabbia. Giuseppe Rimmaudo non ha digerito la sconfitta sul campo dell’ultima in classifica ed ha chiesto subito conto e ragione a giocatori e tecnico. «Ora ci vuole una prova di orgoglio» ha raccomandato il presidente. Il Ragusa visto a Caltagirone non può sperare di lottare per le prime posizioni, squadra anonima, farraginosa, macchinosa nella ricerca del gol. «Ho dovuto utilizzare quattro juniores –dice Gaetano Lucenti- Hanno fatto bene ma l’assenza di Petrolà, Pellegrino e Raciti si è fatta sentire».

La seconda sconfitta esterna rimarca quella subita a Taormina anche se la qualità dei messinesi era un’altra. Il Caltagirone ci ha messo solo tanta corsa e buona volontà ed il Ragusa avrebbe potuto e dovuto far meglio. Mercoledì intanto, ore 15.30, c’è il ritorno di coppa Sicilia contro l’Avola; all’andata fu 1 a 0 per gli avolesi ma il Ragusa ha la possibilità di ribaltare il risultato nonostante la caratura dell’avversario, primo in classifica del girone B. Il presidente ha chiesto una prova d’orgoglio in coppa ma pensa alla sfida di domenica in casa contro il Città di Messina.

La favorita del campionato, reduce da una vittoria, pronta a spiccare il volo. Il Ragusa deve trarre profitto del turno casalingo e puntare alla vittoria.

Aquila Caltagirone Ragusa 1 -0
Al 15´ st autogol Santonocito


Ragusa bastonato a Caltagirone. Sul campo dell’ultima in classifica gli azzurri di Gaetano Lucenti perdono ancora una volta di misura. Era successo a Taormina, è successo a Caltagirone; un autogol di Santonocito sugli sviluppi di una punizione al 15’ del secondo tempo ha condannato il Ragusa che non è riuscito più a raccapezzarsi. Gli azzurri hanno cercato di recuperare, si sono buttati in avanti ma La Vaccara e soci non sono riusciti a riagguantare i locali che alla fine hanno fatto festa.

Poche le occasioni da gol sia nel primo che nel secondo tempo; una gara muscolare, giocata a buon ritmo ma condizionata, soprattutto per il Ragusa dal campo in terra battuta. Il gol decisivo sugli sviluppi di una punizione battuta dalla tre quarti, la palla è arrivata in area ma sull’impatto Santonocito ha deviato alle spalle di Mazza.

Il Ragusa ha pagato oltre misura le assenze di Raciti, Petrolà e Pellegrino ma ha buttato al vento un’occasione per portare via i tre punti. La sconfitta brucia e domenica c’è il Città di Messina all’Aldo Campo.