Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1554
RAGUSA - 09/10/2010
Sport - Basket: dopo il positivo esordio casalingo contro il Ceglie

Basket: trasferta per la Nova Virtus contro il Corato

Il coach Recupido si dice fiducioso

La Nova Virtus è impegnata nella prima trasferta stagionale sul difficile parquet pugliese del Basket Corato, passato all´esordio a Martina Franca. Per coach Recupido ed i suoi allievi è stata, manco a dirlo, la «solita» settimana tribolata, con allenamenti a ranghi ridotti, causa gli acciacchi che affliggono Parrino, Blanda, Vani (influenzato) ed il giovane Mammana, alle prese con i postumi di una brutta botta rimediata contro i Messapici. La buona notizia, però, è il recupero, che sembra accelerarsi, proprio di Flavio Parrino che, non solo è tornato ad allenarsi con i compagni, ma che sarà convocato per domenica, anche se potrà eventualmente reggere il campo solo per pochi minuti.

Corato, partita per salvarsi, ha già centrato il primo exploit e, ovviamente, medita il bis. D´altro canto, lo starting-five a disposizione di coach Marco Verile è di prim´ordine. Tutto ruota, per la verità, attorno al «fuoriclasse» (per la categoria) Valerio Corbino che gli sportivi ragusani ricordano bene per averlo visto strabiliare al Palapdua due anni fa con Sarno e che lo scorso anno, prima dell´esclusione del torneo di B dilettanti, aveva portato in vetta la matricola Prativerdi Siracusa.

"Il play Corvino - conferma coach Gianni Recupido - è assolutamente d´altro pianeta. Ma è anche uomo squadra, nel senso che sa far giocare benissimo tutti gli altri compagni. In particolare, legge benissimo i pick & roll, concludendo l´azione o con un mortifero tiro o con un assist ai compagni. E´ chiaro che stiamo studiando una serie di giochi tattici per limitarlo, ma non basterà ingabbiare Corvino, magari con sistematici raddoppi, proprio perchè il play pugliese sarebbe pronto a liberare tutti gli altri.

Sono convinto, peraltro, che in ogni caso Corvino la sua dote di punti la costruisce, per cui bisognerà trovare un sistema difensivo che imbrigli complessivamente il gioco dei pugliesi. Non sarà facile, perché i lunghi Andrea Storchi e Djordje Kavaric (21 anni ma già alla terza stagione a Corato) sono pericolosissimi sotto le plance, così come il giovane Marcello Cozzoli ha dimostrato di essere un «killer» da canestro spietato. Senza contare anche Giampaolo Nardin. Vero, invece, che la panchina di Corato è un po´ troppo corta. Dunque, punteremo su difese alternate che possano fiaccare la resistenza di Corvino e di tutti gli altri, per giocarci le nostre carte".

La Nova Virtus, dunque, non parte battuta: anzi, la fiducia è alle stelle soprattutto dopo la performance contro Ceglie che ha messo in mostra un quintetto con tanto talento (in primis, Andrea Sorrentino e Giulio Casale), gente navigata ed esperta come Marcello Giovo e giocatori capaci di esplodere in qualsiasi momento del match, come Ale Sorrentino, Marco Blanda e l´eclettico Mattia Terrana. Dal duo Vani-Mammana si attende un grosso contributo sotto le plance, mentre Parrino potrebbe venir buono, soprattutto nel proporre i cambi difensivi proprio su Corvino.