Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 21 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 19:58
POZZALLO - 20/09/2018
Sport - Mountain bike: la gara si è svolta sulle Dolomiti lungo un percorso molto impegnativo

Sei biker pozzallesi primi al Mundialito della 3Epic Marathon

Sono Giorgio Giardina, Rosario Cannizzaro, Fabio Modica, Gaspare Spadaro, Antonio Lupo e Nino Iozia Foto Corrierediragusa.it

Hanno conquistato il gradino più alto del podio, i sei atleti della Mtb Fk Pozzallo (foto). La gara, la 3Epic Marathon, ha visto in sella biker provenienti da tutto il mondo. Giorgio Giardina, Rosario Cannizzaro, Fabio Modica, Gaspare Spadaro, Antonio Lupo e Nino Iozia, hanno portato a compimento l’impresa, 90 km con 3 mila metri di dislivello, una delle gare più difficili del panorama italiano che mette a dura prova anche gli atleti più allenati, vincendo addirittura il Mundialito, la gara dentro la gara. Oltre ad essere stati premiati come team proveniente da più lontano – come era già avvenuto nel 2015 – i componenti della Mtb Fk Pozzallo hanno infatti vinto come squadra, su 49 partecipanti. Un traguardo considerevole per i sei atleti che, oltre alla medaglia di finisher, portano a casa una importantissima vittoria.

«Aver vinto il Mundialito e aver vinto come prima società classificata su 49 – ha detto Giorgio Giardina, uno degli atleti della Mtb Fk Pozzallo – ci inorgoglisce e rende questa esperienza ancora più speciale. Siamo arrivati primi per punteggio e piazzamenti, un risultato al di sopra delle nostre aspettative. La gara – ha aggiunto - si è dimostrata ancora una volta avvincente e le condizioni climatiche favorevoli hanno messo in evidenza le bellezze paesaggistiche rendendo meno faticosa l´impresa, ripagando così tutto lo sforzo fatto. Un particolare plauso va all’Asd Pedali di Marca, nella figura di Massimo Panighel, per l’impeccabile organizzazione degna di un Mondiale e naturalmente ai miei compagni di avventura per questo indimenticabile traguardo».