Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 16 Novembre 2018 - Aggiornato alle 21:07
POZZALLO - 12/09/2018
Sport - Mountain Bike: domenica la gara lungo un percorso di 90 km con 3mila metri di dislivello

Sei pozzallesi corrono alla 3Epic Marathon delle Dolomiti

Una delle gare più difficili del panorama italiano che mette a dura prova anche gli atleti più allenati Foto Corrierediragusa.it

Sei atleti della MTB Fk Pozzallo (foto) saranno al via della 3Epic Marathon. La gara riservata agli amatori si corre domenica lungo un percorso di 90 km ai piedi delle Dolomiti con un dislivello di 3 mila metri. Si tratta di una delle gare più difficili del panorama italiano che mette a dura prova anche gli atleti più allenati. Giorgio Giardina, Rosario Cannizzaro, Fabio Modica, Gaspare Spadaro, Antonio Lupo e Nino Iozia, si misureranno su un tracciato molto simile a quello dei professionisti che correranno sabato.

Già nel 2015 gli atleti della Mtb Fk Pozzallo avevano partecipato all’evento: nonostante la pioggia incessante e la difficoltà della competizione, erano riusciti a portare a compimento la mission, con una menzione speciale fra l’altro come team proveniente da più lontano. Adesso, vogliono riprovarci, anche perché quest’anno la nuova formula del ‘Mundialito’ permette ai diversi team di sfidarsi in sella, con dei punteggi diversi per la provenienza, per il tipo di percorso e per i piazzamenti finali. Una gara dentro la gara, insomma, che rende ancora più avvincente la partecipazione all’evento.

«Questa competizione, questa presenza così importante – ha sottolineato il presidente dell’associazione Mtb Fk Pozzallo, Elvio Sigona – va a concludere una stagione di grandi soddisfazioni. Noi al primo posto mettiamo il divertimento ma, proprio nell’ambito amatoriale, questi eventi ci danno la possibilità di confrontarci con atleti di tutto il mondo. È un modo per far vedere che siamo una squadra, che amiamo partecipare a queste competizioni, in aggregazione e senza perdere di vista l’aspetto ludico dello sport».