Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1154
POZZALLO - 03/12/2012
Sport - Il 7° campionato regionale di tiro

Full Metal Jacket, atleta di Pozzallo Scollo "va a segno"

La manifestazione è stata suddivisa in 3 categorie di gara, rispettivamente contrassegnate in «A», »B» e »C» Foto Corrierediragusa.it

Si è svolta l’ultima delle 10 gare del 7° campionato regionale di tiro Full Metal Jacket, organizzato dal direttivo della F.S.T.S. (Federazione Siciliana Tiro Sportivo). L’importante evento, che anno dopo anno cresce e riscuote sempre più successo in ambito regionale e nazionale è iniziato il 22 Aprile scorso presso l’Etna Shooting Club di Sigonella (CT) e si è mensilmente alternato presso i rimanenti campi di tiro affiliati tra i quali, Sportgun di Scicli (RG), Sniperclub di Pedalino (RG) ed ATS di Caltagirone (CT).

La manifestazione è stata suddivisa in 3 categorie di gara, rispettivamente contrassegnate in «A», »B» e »C», tutte svolte alla distanza di 100, 200 e 300 metri (quest’ultima solo cat. «C») dalla postazione del tiratore a seconda della lunghezza dell’area di tiro disponibile nel campo ospitante.
La categoria «A» ha interessato gli atleti che si sono cimentati nel tiro di precisione utilizzando esclusivamente carabine del tipo ex ordinanza (armi dapprima utilizzate ed in dotazione a vari eserciti e corpi di polizia del mondo, ormai dimesse e destinate all’uso civile) con l’utilizzo delle sole mire metalliche o per meglio dire fisse, senza ingrandimenti ausiliari assumendo diverse posizioni per il tiro al tabellone, nella modalità con arma all’imbraccio nella posizione in piedi ed in ginocchio e da seduti con la sola parte anteriore dell’arma appoggiata su di un banco.

La «B» è simile alla precedente con la sola differenza che gli atleti riguardo al sistema di mira dispongono di un congegno di puntamento di tipo fisso o variabile sino al massimo di 6 ingrandimenti del bersaglio da colpire.
La «C» infine riguarda un’aliquota di tiratori che utilizzano armi da fuoco di concezione moderna munite di sistemi di puntamento con ingrandimento libero a seconda delle proprie esigenze nella sola posizione di tiro da seduti e con il solo appoggio anteriore dell’arma su di un banco.

A queste sono state aggiunte altre 2 tipologie di prove per ognuna delle categorie suddette, definite «SHARP SHOOTER e IOM», la prima consistente nell’effettuare una prova di rosata di 5 colpi da piazzare il più vicino possibile tra loro alle varie distanze di 100, 200 e 300 metri, la seconda, ideata e fortemente voluta dal Presidente della FSTS Salvatore Petta di Caltagirone, consistente nel colpire con un solo colpo dei bersagli improvvisati di varia grandezza a seconda della categoria di gara alla quale si partecipa nel tempo limite di un minuto, scopo di tale prova, come nei precedenti anni è volto alla raccolta di fondi a scopo benefico consistente quest’anno in euro 3.400,00 da devolvere interamente all’Istituto Oncologico del Mediterraneo insistente nel comune di Viagrande (CT).

L’atleta pozzallese Damiano Scollo (foto) che già ad Aprile di quest’anno si è reso protagonista assoluto del I° Torneo provinciale di tiro mirato e dinamico con pistola di grosso calibro, dopo un problematico avvio in questo campionato, relativo alle prime 3 gare nelle quali ha raccolto solamente un totale di 22 punti a fronte dei 165 disponibili, dalla quarta all’ultima gara, letteralmente auto superandosi ed interpretando il carattere competitivo in una forma del tutto agonistica ha iniziato ad agguantare le redini della propria specialità riuscendo a capovolgere, gara dopo gara le sorti quasi scontate dell’epilogo del campionato nella pertinente categoria di partecipazione definita da sempre quella delle «open sights o iron sights» ovvero le mire metalliche, per l’appunto quella più difficile del campionato a discapito dei bravissimi atleti Giovanni Canzonieri di Pedalino (posizionatosi secondo) e del campione di categoria uscente Giuseppe Carbone detto Fifì di Catania (terzo).

L’atleta pozzallese, poi successivamente soprannominato con l’appellativo «Damisniper», dalla quarta alla decima ed ultima gara ha sempre conquistato il podio inanellando ben 7 primi posti (4 per il tiro al tabellone e 3 SHARP SHOOTER), 2 secondi posti ed un terzo piazzamento, concretizzando alla fine un distacco dall’atleta giunto secondo quantificato in ben 51 punti e riuscendo peraltro a validare ben 2 records, il primo consistente nel realizzare il punteggio più alto alla distanza di 200 metri (98+2) nel tiro al tabellone con le mire metalliche durante una gara ufficiale, l’altro nell’ottenere una consecutività di vittorie pari a 4 nella categoria di partecipazione, successione mai avvenuta sino ad oggi.

La categoria «B» ex ordinanza sniper incerta sino all’ultimo è stata vinta dall’atleta Santo Dibennardo di Pedalino che ha totalizzato un totale di 324 punti davanti al predetto Giuseppe Carbone (297 punti) i quali si sono contesi la vittoria finale sino all’ultima gara.

La categoria «C» sport condotta in maniera eccellente in tutte le sue gare era già stata archiviata dal predetto Giovanni Canzonieri di Pedalino che ha matematicamente vinto nella sua categoria con ben 2 giornate di anticipo a discapito di tale Gaetano Brancato di Ravanusa (AG). Canzonieri sarà inoltre promosso atleta TOP SHOOTER 2012 essendo uno tra gli atleti che gareggiando in tutte e tre le categorie del campionato ha ottenuto la somma aritmetica di punti ottenuti più alta (649) distaccando di soli 12 lunghezze il principale rivale Fifì Carbone.

Le premiazioni e i riconoscimenti ufficiali nei riguardi degli atleti avverranno il prossimo 15 Dicembre 2012 presso l’Hotel Villa San Mauro di Caltagirone ove si terrà il III° meeting della Federazione Siciliana Tiro Sportivo.

Nella foto sotto da sx Giovanni Canzonieri, Damiano Scollo e Santo Dibennardo. Cliccate sulla foto per ingrandirla

Da sx Giovanni Canzonieri, Damiano Scollo e Santo Dibennardo