Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 21 Giugno 2018 - Aggiornato alle 15:11
POZZALLO - 30/12/2011
Sport - Calcio: squadra in Lega Pro nel giro di pochi anni

Benanti vuol portare in alto in Pozzallo Calcio

Il direttore commerciale di una delle più importanti industrie nel campo farmaceutico, con fatturati di tutto rispetto, è il nuovo presidente della New Pozzallo
Foto CorrierediRagusa.it

"Voglio il Pozzallo Calcio in Lega Pro nel giro di pochi anni. Se una città come Trezzo sull’Adda, dieci mila abitanti circa, ha una squadra nella Lega Professionisti (la Tritium, ndr), non vedo perché Pozzallo che ha il doppio della popolazione di Trezzo non possa aspirare a diventare una città con la propria squadra di calcio in Lega Pro". Antonino Benanti (foto), direttore commerciale di una delle più importanti industrie nel campo farmaceutico, con fatturati di tutto rispetto, è il nuovo presidente della New Pozzallo.

Benanti ha un chiodo fisso: far diventare la squadra di calcio della città una potenza calcistica. Per esaudire questo desiderio, il presidente ha promesso lo stanziamento di ingenti capitali, in modo da poter far risalire la squadra (che attualmente milita in Seconda Categoria) verso categorie decisamente migliori rispetto a quello che si vede. Non solo investimenti sulla squadra, ma anche per l’infrastruttura del «Comunale», stadio di calcio dal passato glorioso ma, ad oggi, inagibile per diversi motivi. Benanti ha chiesto, due mesi fa, al sindaco di Pozzallo, Peppe Sulsenti, di poter avere in gestione la struttura in modo da poter renderla nuovamente agibile e fruibile alla locale tifoseria.

"Premetto, non sono di Pozzallo – ha detto Benanti – ma questa città mi ha affascinato da subito, tanto da dislocare il mio lavoro in questa bellissima terra. Altra mia passione, il calcio. Ho conosciuto la realtà calcistica di Pozzallo con i grandi sforzi del presidente Giannone, volendo contribuire, non a parole, ma con i fatti. Da qui, l’idea di un grosso investimento".

Il problema si chiama stadio. "Ho chiesto al sindaco – continua Benanti – di concedermi la struttura a titolo gratuito. Avrei pensato io a rendere agibile rettangolo di gioco e spalti, prelevando i soldi di tasca mia. L’incontro, avvenuto lo scorso ottobre, sul momento, fu positivo. Ancora attendo risposta. Sono trascorsi più di due mesi".

Progetti importanti per la New Pozzallo. "Un vivaio, innanzitutto - conclude il presidente della New Pozzallo - Giovani interessanti che si possano proporre al mondo del calcio. Risalire la china fino alla Lega Pro in pochi anni. Gestione oculata e senza fronzoli. Divertimento per la tifoseria locale. Pozzallo può aspirare a diventare una piccola Chievo. Io ci credo, l’attuale sindaco Sulsenti forse un po’ meno. A maggio ci sarà un nuovo sindaco? Ma perché aspettare a programmare da settembre in poi"?