Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 938
PALERMO - 18/09/2014
Sport - Calcio, Eccellenza: il tesseramento dei tre juniores biancorossi è risultato regolare

Reclamo respinto e Vittoria avanti in Coppa ma il Modica ricorre ancora

La società rossoblù ha reiterato il ricorso al Tribunale Federale Territoriale per la posizione del giocatore Rametta Foto Corrierediragusa.it

Vittoria avanti in Coppa: il reclamo del Modica, dopo il 4-4 esterno per il ritorno di Coppa Italia del 31 agosto, è stato respinto dal Giudice Sportivo, per cui la squadra biancorossa ottiene la conferma della qualificazione al secondo turno del torneo. A due settimane dalla presentazione del ricorso presentato dal Modica il Giudice sportivo del Comitato regionale Sicilia ha emesso il suo verdetto.

Il Modica sosteneva innanzitutto che i giocatori Amendola, Bevilacqua e Russo non fossero stati tesserati in modo regolare: la società è stata smentita dall´Ufficio Tesseramenti perchè il perfezionamento del cartellinamento è risultato regolare. Il Modica haa anche eccepito che l´attaccante Michele Rametta fosse in pendenza di due turni di squalifica maturati nel derby ibleo di Coppa della scorsa stagione. Non è così perchè il Vittoria ha dimostrato che l´atleta, in prestito alla Palmese di Palmi Calabro, aveva scontato la pena in due incontri successivi di Coppa del 4 settembre (contro il Roccella) e del 16 ottobre (Bocale).

Ulteriore ricorso del Modica
Il Modica tuttavia non si è fermato qui perchè, sostiene l´ufficio legale della società, non era stato messo in dubbio che il giocatore dovesse ancora scontare le due giornate di squalifica, ma che, essendo la Coppa Italia organizzata dalla LND in modo autonomo Regione per Regione, non le avesse scontate nella stessa competizione, ovvero la Coppa Italia regione Sicilia, regione organizzatrice del torneo che a suo tempo l´aveva comminata. Per questa ragione è stato presentato ricorso d´appello di secondo grado al Tribunale Federale Territoriale inserendo ulteriori prove documentali, chiedendo anche un´audizione davanti al tribunale per spiegare le ragioni della società.