Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 809
MODICA - 16/06/2010
Sport - Calcio serie D: tutti mobilitati, da qui alla scadenza, dell’iscrizione al campionato

Calcio: per il Modica corsa contro il tempo per la salvezza

Il sindaco Antonello Buscema e l’assessore allo sport Enzo Scarso hanno fatto da collante tra società, rappresentate da Riccardo Radenza e Luigi Galazzo, i tifosi, e gli imprenditori, presente il presidente del Polo commerciale Girolamo Carpentieri

Per il Modica calcio è una corsa contro il tempo. Tutti mobilitati da qui alla scadenza dell’iscrizione al campionato di serie D, fissata al 12 luglio. La riunione tenuta ieri a palazzo S. Domenico è servita a fare chiarezza almeno sui ruoli che ognuno degli attori nella vicenda Modica calcio dovrà avere.

Il sindaco Antonello Buscema e l’assessore allo sport Enzo Scarso hanno fatto da collante tra società, rappresentate da Riccardo Radenza e Luigi Galazzo, i tifosi, e gli imprenditori, presente il presidente del Polo commerciale Girolamo Carpentieri. Radenza, che al momento ha confermato le dimissioni, chiede un impegno sia in termini economici, non meno di 100mila euro, sia di servizi, per ricominciare a programmare un campionato che costa di media sul mezzo milione di euro.

I tifosi dovranno fare la loro parte impegnandosi con la vendita porta a porta degli abbonamenti, gli imprenditori dovranno dedicarsi a recuperare risorse ed offrire servizi come disponibilità di un albergo per il ritiro, ristoranti, servizi pulmann per le trasferte; l’amministrazione ha garantito l’affidamento delle gestione della rottura del polisportivo e la sua manutenzione oltre agli alloggi per i giocatori.

Clima sereno e collaborativo ma per i fatti e la concretezza bisognerà attendere. La società si è impegnata a stilare una lista di cose da fare subito e di consegnarla al sindaco ed all’assessore che poi si attiveranno per quanto di loro competenza. In tutti la certezza che il Modica potrà continuare a vivere, e di cedere il titolo a Ragusa o Vittoria non se ne parla.