Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1588
MODICA - 10/05/2010
Sport - Calcio, serie D: la sconfitta casalinga contro il Palazzolo del Modica fa arrabbiare i tifosi

Calcio: Pippo Romano "Scusate, ma non roviniamo tutto"

Intanto Maiko Candiano ha esordito nella nazionale Juniores contro l’Irlanda
Foto CorrierediRagusa.it

Pippo Romano si scusa «Siamo tutti rammaricati per la sconfitta. Ci tenevamo noi, i tifosi, la società. Purtroppo quando mancano le motivazioni giuste può succedere. Siamo entrati in campo distratti ed abbiamo preso tre gol, poi abbiamo recuperato alla grande ma una amnesia ci ha tradito. Ce l’abbiamo messa tutta ma non è bastato. Da qui a contestare i giocatori ce ne corre. Questa squadra era terzultima quando sono arrivato io e fino a qualche settimana fa abbiamo cullato un sogno. Ci siamo salvati da dieci giornate, che cosa possiamo rimproverare a questi giocatori? Bisogna elogiarli per quello che hanno fatto, gratificarli. I tifosi hanno ragione, vogliono di più ma non sempre si può. Siamo grati al tifo organizzato per come ci hanno sostenuto soprattutto nel girone di ritorno ma non dobbiamo rovinare tutto. Nel Modica c’è tanto di buono da salvare, non lo buttiamo».

Tutto l’ambiente è rimasto scosso dalla contestazione degli ultras durante e subito dopo la partita. E’ stata la prima volta che i tifosi hanno atteso i giocatori all’uscita dagli spogliatoi per manifestare il loro dissenso. Il giovane Eugenio Sammito e Gaspare Pellegrino i due presi di mira per qualche atteggiamento in campo da parte dei due giocatori che è stato frainteso.

Il presidente Riccardo Radenza è amareggiato «Peccato chiuder così davanti al nostro pubblico. Non ci voleva proprio perchè rischiamo di dimenticare tutto quello che abbiamo fatto. Capisco i tifosi ma nel calcio una sconfitta a fine stagione ci può stare anche perché la squadra ha dimostrato di voler lottare».

Radenza non si aspettava di certo la contestazione ed è andato via dal «Caitina» senza recarsi nello spogliatoio. Ai giocatori chiederà un chiarimento ma sono escluse fratture o punizioni.

Da parte loro gli ultras (nella foto) chiedono rispetto «Facciamo tanti sacrifici per seguire la squadra –dicono- e ci vediamo ripagati così. I giocatori devono fare il loro dovere fino in fondo, ci siamo sentiti umiliati».