Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 632
MODICA - 03/05/2010
Sport - Calcio, Serie D: la batosta contro l’Hinterreggio fa discutere ed il presidente si arrabbia

Calcio: ultras rossoblu chiedono il riscatto con il Palazzolo

La tifoseria attende il riscatto della squadra nelle due ultime gare di campionato
Foto CorrierediRagusa.it

Il Modica in vacanza non piace ai tifosi. Sono stati in sei a seguire la squadra a Bocale e sono tornati anzitempo.

Dicono due ultras in trasferta «Non c’è stato nulla da vedere, tre gol in mezzora, una prestazione da far pena. Abbiamo tolto gli striscioni e ce ne siamo andati. Non è il Modica che vogliamo». E’ in discussione a questo punto la presenza del tifo organizzato sugli spalti del polisportivo della «Caitina» per l’ultima partita casalinga della stagione. Nonostante gli appelli ad essere presenti in massa gli ultras ci stanno ripensando e pensano ad una azione dimostrativa per spiegare il loro malcontento.

Dicono i tifosi «Vogliamo una risposta dalla squadra e che il Modica non faccia contro il Palazzolo quello che ha fatto la Lazio con l’Inter».

L´allenatore Pippo Romano (nella foto) è il primo ad essere deluso dalla prestazione della squadra ma trova delle giustificazioni «Nel calcio le motivazioni sono tutto. L’Hinterreggio doveva salvarsi, noi siamo salvi da tempo. Mancava la difesa ma dovevamo stare più attenti e quando parti male non c’è modo di rimediare, specie se prendi tre gol».

Le note positive della giornata vengono dal ritorno al gol di capitan Bonarrigo che ha raggiunto quota dodici in questa stagione e dal gol di Sicali che si dimostra sempre pronto all’appuntamento. «Non ci sono stati infortunati- precisa ancora il tecnico- Domenica rientrano Pellegrino, Panatteri e Vindigni ma per Cocuzza non c’è niente da fare». Niente sconti a Palazzolo e Rosarno, i tifosi non lo vogliono, il presidente chiede carattere e di non rovinare soprattutto quanto di buono è stato fatto.