Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1140
MODICA - 01/05/2010
Sport - Scherma: sesto posto per l’atleta modicano

Scherma: Mondiali di Shanghai, bene Giorgio Avola

L’azzurro di Modica batte prima per 15-8 il cinese Tao e poi compie un autentico capolavoro, surclassando con un secco 15-9 il giapponese Ota Foto Corrierediragusa.it

Giorgio Avola (nella foto) torna a far parlare di sé; il fiorettista modicano ha infatti conquistato il sesto posto su 118 partecipanti alla prova mondiale di Shangai, che lo fa avanzare nel ranking mondiale.

Dopo aver superato i gironi eliminatori con 5 vittorie su sei, l´atleta modicano batte prima per 15-8 il cinese Tao e poi supera con un secco 15-9 il giapponese Ota grazie ad una prova di alto livello tecnico di fronte ad uno dei migliori fiorettisti al mondo.

Avola supera poi il russo Gridnev con un secco 15-10 che schiude le porte della finale ad otto.

Nel derby tutto italiano contro il romano Simoncelli tuttavia Avola arriva al 12-12 ma poi cede per 15-12 e vede sfumare il podio; niente male comunque per Giorgio Avola che veniva dalla prova di Danzica e la transvolata in Cina in cui ha accumulato stanchezza.

AD AVOLA IL PREMIO DELL´ANNO "CANDIDO CANNAVO´"

Dopo la medaglia d’oro agli europei under 23 di Danzica arriva un altro riconoscimento per Giorgio Avola. Il fiorettista modicano è stato infatti indicato dai giornalisti sportivi di Sicilia, aderenti all’Ussi, quale destinatario del premio dell’anno «Candido Cannavò».

La cerimonia di premiazione di terrà lunedì 3 maggio nella Sala Gialla del palazzo dei Normanni a Palermo ma Giorgio Avola non potrà essere presente essendo impegnato con la nazionale alla prova di coppa del mondo che si tiene in questi giorni a Shangai.

«Sono dispiaciuto di non poter ritirare di persona un premio così prestigioso, che porta il nome di un uomo ed un professionista straordinario che è stato Candido Cannavò -dice Giorgio Avola, appena appresa la notizia- Nonostante la mia giovane età, da appassionato di sport quale sono, ho sempre ammirato le doti umane e la grande passione di Cannavò per lo sport. Ringrazio i giornalisti dell’Ussi Sicilia per avermi scelto. Questo è un premio che mi onora». Per Giorgio Avola questo è il secondo riconoscimento ufficiale dopo la consegna del premio «Padua» 2009, assegnatogli dal Panathlon di Ragusa.

IL TRIONFO AGLI EUROPEI UNDER 23 DI DANZICA

Traguardo storico per la Conad scherma Modica: l’europeo under 23 di Danzica si chiude difatti regalando la medaglia d’oro individuale a Giorgio Avola. Il fiorettista della Conad, infatti, conquista un titolo europeo che lo consacra definitivamente tra i giovani fiorettisti di maggior talento in ambito internazionale.

Dopo un girone eliminatorio portato a termine con 5 match vinti su 6, l’allievo del Maestro Migliore ha superato di diritto la 1° fase, in quanto numero 6 del tabellone di eliminazione diretta, ed ha battuto prima il danese Jorgensen per 15-8 e poi l’italiano Iaconis per 15-11. Ai quarti sulla strada del modicano il russo Zherebchenko. Dopo un pessimo inizio con un parziale di 9-0 per l’atleta russo, Avola è riuscito con immensa classe a compiere una rimonta che l’ha portato sul punteggio di 12-12 sino a chiudere il match a suo favore per 13-12.

In semifinale l’azzurro in forza alla Conad incontra il tedesco Gustinelli, numero 2 del tabellone. Dopo un avvio molto equilibrato sino al 7-7, Giorgio Avola ingrana la quinta e si porta sul 13-8 per poi chiudere il match su un agevole 15-10 finale.

La finalissima è un derby tutto azzurro che vede opposto il modicano al ternano Alessio Foconi. Il match non ha storie, sin dalle prime battute Avola impone il suo ritmo, portandosi subito in netto vantaggio, fino a chiudere la partita sul 15-8.

Commenta il maestro Eugenio Migliore: «Giorgio è stato perfetto, ha saputo leggere ogni match nel modo corretto ed è riuscito quasi sempre ad imporre sin dalle prime battute la sua forza. C’è ancora tanto da lavorare, ma risultati come questo danno tanto entusiasmo e tanta benzina.»