Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 631
MODICA - 09/04/2010
Sport - Calcio serie D: Bonarrigo espulso dopo appena un minuto di gioco per una presunta gomitata

Calcio: Modica in 10 punge ma non vince, col Milazzo finisce 0 - 1

I rossoblu hanno comunque giocato una buona partita, al di la del risultato per certi versi bugiardo, uscendo a testa alta tra gli applausi dei tifosi. Allo stadio il pubblico delle grandi occasioni
Foto CorrierediRagusa.it

Modica - Milazzo 0 – 1

Marcatori: Di Napoli al 30’ pt.

Modica: Piazza 6, Fontana 6, Vindigni 6, Privitera 6 (38’st Chemi 6), Cocuzza 7, Sella 6 (25’st Sicali 6), Romeo 6, Pellegrino 6, Panatteri 6, Bonarrigo s.v., Candiano 6 (30’ st Sammito 6). All Romano

Milazzo: Di Dio 6, De Masi 6, Campanella 6, Balastro 5 (24’ pt Arnone 6), Di Napoli 6, Frassica 6, Torcivia 5, Orioles 6, Sanguinetti 6 (36’st Venuti 5), Camarda 6, Ioppolo 6 (1’st Salmeri 5). All Venuto.

Arbitro: Manganiello di Pinerolo 4

Note: Spettatori 1500 circa con un centinaia di tifosi mamertini. Terreno in discrete condizioni. Espulso Bonarrigo al 1’pt, ammoniti Panatteri e Sammito del Modica; Di Napoli, Sanguinetti, Ioppolo ed Orioles del Milazzo. Angoli 8 a 1 per il Modica. Reucpero 3’pt, 4’st.


Il Milazzo ringrazia e se ne va. Per i mamertini la vittoria sul Modica può essere la vera svolta del campionato ed a ragione esultano alla fine in campo i giocatori insieme al tecnico e sugli spalti dirigenti e tifosi. E’ stata una partita condizionata da quanto successo all’inizio del primo tempo per una decisione arbitrale che rischia di passare alla storia del calcio; una espulsione fulminea da parte dell’arbitro dopo appena 28 secondi ai danni del capitano rossoblù Carmelo Bonarrigo, il grande ex della gara. Bisogna partire da qui per capire come si è poi sviluppata la gara.

Dopo il calcio di inizio la palla arriva a Panatteri che entra in contrasto sulla linea del centrocampo con Di Napoli; lo scontro è duro ma non è nulla di trascendentale, i due si guardano in cagnesco e sembrano allontanarsi; tra di loro c’è Bonarrigo che allontana il centrale mamertino con una manata sulla faccia. Di Napoli cade a terra e l’arbitro estrae senza tentennamento il cartellino rosso. Da quel momento comincia un’altra partita ma la decisione dell’arbitro è apparsa fuori luogo anche perché Bonarrigo non usa violenza nei confronti dell’avversario.

Decisione inopportuna che rovina una gara che aveva tutti i motivi per essere bella ed interessante a cominciare dalla gran cornice di pubblico. Il Modica accusa il colpo e Romano dalla panchina predica calma ai suoi mentre Venuto non si scompone e raccomanda di non commettere falli fuori luogo visto l’approccio severo dell’arbitro.

Il Milazzo ha atteso il momento giusto per piazzare il colpo vincente alla mezzora del primo tempo ed ha poi amministrato la gara fino alla fine rischiando molto in un paio di occasioni. La partita è stata tutt’altro che spettacolare, senza particolari spunti di cronaca ed è tutto dire che il Modica ha impegnato due volte Di Dio mentre Piazza si è limitato a qualche uscita ed ai rinvii dal fondocampo.

Il Milazzo non ha infatti mai tirato in porta nonostante Sanguinetti si sia dato molto da fare; gli uomini di Venuto hanno amministrato la palla a centrocampo ma soprattutto nel secondo tempo hanno sofferto la pressione dei padroni di casa nonostante l’inferiorità numerica. Il Milazzo, nonostante l’espulsione di Bonarrigo, è apparso per lunghi tratti timoroso e prudente sbagliando appoggi semplici e con rinvii difensivi molto approssimativi.

Evidente in Di Napoli e compagni il peso dell’importanza della gara e la capolista può alla fine essere contenta del risultato anche perché ottenuto contro una squadra che pur in dieci ha giocato bene e si è battuta fino alla fine ed avrebbe meritato il pari per quanto ha dato in campo. La cronaca del primo tempo è essenziale; al 19’ è Sanguinetti a calciare fuori da buona posizione dopo uno scambio al limite dell’area.

Al 30’ il gol partita; c’è un fallo su Torcivia e la punizione è calciata da Camarda. Il pallone arriva in area dove Di Napoli svetta su tutti e mete in gol. Il Modica, già con il morale sotto i tacchi, accusa il colpo e cerca di darsi da fare ma inutilmente. Nel secondo tempo al 13’ Panatteri si libera e tira, Di Napoli allarga le mani e la palla incoccia sul braccio per le proteste dei giocatori di casa. Al 35’ Torcivia spreca malamente su passaggio di Sanguinetti ed al 40’ l’occasione più nitida per il Modica. Panatteri lavora bene una palla sulla sinistra e porge al centro per l’accorrente Sammito. Il tiro è secco ma esce fuori di un pelo con Di Dio proteso in tuffo. Alla fine applausi per tutti; per i giocatori ospiti per i tre punti conquistati, per i rossoblù locali che hanno dato il massimo seppur inutilmente.

SPOGLIATOI MODICA


Carmelo Bonarrigo è la faccia della delusione. La sua partita è finita dopo 28 secondi. Perché?
-Non lo so. Sono solo intervenuto per separare Di Napoli e Panatteri. Ho dato uno spintone a Di Napoli. Tutto qui. L’arbitro alla fine del primo tempo mi ha chiesto scusa. Ma cosa me ne faccio delle sue scuse?.

Pippo Romano non si dà pace. «Sono deluso ed amareggiato per quanto è successo. Non meritavamo questo trattamento. La squadra ha dato il masismo e la decisione dell’arbitro mi è parsa una follia. Questa partita poteva rilanciarci e dare una svolta al campionato ed invece per una decisione cervellotica paghiamo le conseguenze. Sono orgoglioso dei miei ragazzi; hanno dimostrato di essere attaccati alla maglia ed al loro allenatore e questo fa loro onore. Mi dispiace per loro, per i tifosi e per la società. Gli episodi in questa gara ci sono stati tutti contro; oltre all’espulsione ci poteva stare un rigore per il mani sul tiro di Panatteri. Pazienza».

SPOGLIATOI MILAZZO

Antonio Venuto è lucido nell’analizzare la gara e ci tiene a smorzare gli entusiasmi facili. «Abbiamo fatto il nostro dovere – dice il tecnico- Ci attendono altre cinque finali e poi tireremo le somme anche perché le altre non mollano. Siamo stati bravi a sfruttare l’uomo in più passando al 3-4-3 e siamo andati in gol. Loro hanno avuto una supremazia territoriale nel secondo tempo ma non hanno prodotto niente di importante».
-Non avete mai tirato in porta
- A questo punto del campionato non chiedo le belle prestazioni ma il risultato. Sono soddisfatto per i tre punti e per avere tenute immutate le distanze dagli inseguitori. Forse il Modica meritava di più ma noi siamo stati bravi a contrastarli.

In occasione della partita c´è stato il pienone, con il pubblico delle grandi occasioni cui il presidente rossoblu Riccardo Radenza ha stretto la mano (nella foto).

Serie D - Girone I - 29ma giornata (domenica 11 aprile 2010)

Adrano – Palazzolo 0-4
Castrovillari – Mazara 1 – 3
Messina – Rosarno 0-1
Modica – Milazzo 0-1
Nissa – Avellino 0-1
Rossanese – Acicatena 3-0
Sapri – Viribus Unitis 1-0
Trapani – Hinterreggio 3-2
Vigor Lamezia – Sambiase 2-2


Classifica

Milazzo 56

Trapani 52
Rosarno 52

Avellino 50
Vigor Lamezia 50

Rossanese 48

Sapri 46
Modica 46

Nissa 42

Sambiase 40

Hinterreggio 38

Mazara 35

Messina 34

Palazzolo 33

Viribus Unitis 28

Acicatena 21

Adrano 20

Castrovillari 17