Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 627
MODICA - 08/03/2010
Sport - Calcio, serie D: il Milazzo vince il derby con il Messina

Calcio: Modica tranquillo, Avellino ko con l´Hinterreggio

Pippo Romano non ha nulla da rimproverare ai suoi uomini
Foto CorrierediRagusa.it

Vince il Milazzo e perde l’Avellino; questo l’esito dei due recuperi nel girone I di serie D. Il Milazzo prevale per 2-1 contro un Messina che non ha saputo sfrutttare l’uomo in più nel secondo tempo. Il derby va ai rossoblù del Milazzo che sono ora ad un punto dalla capolista Trapani. Al Grotta Polifemo Camarda porta in vantaggio i mamertini al 15´. Pari per i giallorossi di Arturo Di Napoli al 41´. Nella ripresa la squadra di Venuto resta in dieci per l´espulsione di Torcivia ma segna ancora grazie ad un colpo di testa di Michele Di Napoli al 70´.

La sorpresa viene da Avellino, dove i padroni di casa, reduci dal successo esteerno di Modica, soccombono davanti all’Hinterreggio di Felice Melchionna. Vantaggio irpino con Rega al 22’, pari di Sinicropi ad inizio ripresa e gol della vittoria di Zampaglione al 28’. I calabresi sono ora a quota 333 in classifica.

LA PARTITA CONTRO L´AVELLINO

Nessun dramma in casa Modica per la sconfitta con l’Avellino(nella foto di Maurizio Melia: una fase della gara di domenica). «E’ stata una partita particolare –dice il presidente Riccardo Radenza- Doveva essere la giornata rossoblù ed è stata una giornata nera in tutti i sensi: il maltempo, la sconfitta e l’assenza del pubblico per una partita di cartello. La gara è stata decisa da episodi e noi siamo stati sfortunati nel momento cruciale della partita. Ci rifaremo perché abbiamo dimostrato contro una signora squadra di avere tutti i numeri per farlo».

Anche tra i giocatori la fiducia non manca e la sconfitta è stata subito digerita. «Partita difficile da giocare –dice il capitano Carmelo Bonarrigo- Non ci pensiamo più e programmiamo la trasferta ad Acicatena. Ci servono i tre punti per stare in alto; ormai ci siamo abituati».

La nota positiva è che dalla battaglia in campo in condizioni proibitive tutti i giocatori sono usciti in buone condizioni fisiche, non hanno accusato infortuni per cui Pippo Romano potrà avere tutta la rosa a disposizione per la trasferta ad Acicatena tranne Ciccio Vindigni. «Non capisco cosa ha visto l’arbitro- dice il difensore- Io ho fatto fallo ma Meola ha reagito contro di me, l’espulsione toccava solo a lui. Peccato.»

Contro l’Avellino il Modica ha pagato innanzitutto la inferiorità fisica nei confronti degli avversari. I bianco verdi hanno tenuto meglio il campo, in tutti i sensi, e sono usciti vincitori nei contrasti due volte su tre. In una partita decisa dai dettagli questo è stato uno dei fattori vincenti così come la fortuna. «Nel secondo gol- dice ancora Vindigni- D’Isanto ha colpito con lo stinco, non sapeva nenache lui dove mandare il pallone ed è andato invece in porta, più sfigati di così! Per non parlare del terzo gol venuto su un rimpallo».


A margine della gara bisogna sottolineare l’assoluta inadeguatezza del polisportivo della Caitina in caso di cattivo tempo. La tribuna coperta non ripara per nulla e gli spettatori sono usciti tutti inzuppati. Per non parlare degli operatori dell’informazione costretti a lavorare sotto la pioggia con taccuini bagnati, computer inutilizzabili, penne a secco. La mancanza di una tribuna stampa promessa da anni e mai realizzata rende l’impianto inospitale e difficile da praticare e sarà bene che ognuno per la sua parte, società ed amministrazione, se ne faccia carico.