Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1097
MODICA - 22/06/2009
Sport - Il presidente Radenza stringe i tempi per il nuovo allenatore

Calcio: Boscaglia ad un passo dalla panchina del Modica

Tecnico e presidente si sono incontrati, Bevo e Panatteri nel mirino

Riccardo Radenza stringe per Roberto Boscaglia. L’ex tecnico della Nissa si è incontrato con il presidente rossoblù ed ha abbassato di molto le sue pretese economiche;Roberto Boscaglia si è riservato di dare una risposta entro le prossime 24 ore per consentire a Radenza di utilizzare la carta di ricambio che ha in mano e che tiene ben segreta per non farsi bruciare dalla concorrenza.

Boscaglia ha accettato di lavorare ad un progetto di lungo respiro e soprattutto imperniato sui giovani già in forza al Modica calcio. Boscaglia ha già suggerito i primi nomi per il nuovo Modica; si tratta di Bevo, ex centrocampista della Igea Virtus, di Conti e di Panatteri, quest’anno al Messina e già lo scorso anno molto vicino al Modica.

Tra le sicure partenze quelle di Peppe Rosa, il cui posto verrà preso da Panatteri, di Favata, di Anselmo, di Montalto e molto probabilmente di Filicetti e Calabrese. Della vecchia guardia resterà Nicola Polessi, con la doppia mansione di allenatore dei portieri e secondo di Angelo Falco, e Gaspare Pellegrino.

Poi largo ai giovani tra cui anche Maiko Candiano che è stato già visionato e contattato dal Parma; il giovane centrocampista tuttavia dovrebbe restare in rossoblù almeno fino a gennaio se non fino alla conclusione del campionato per maturare ancora esperienza. Insieme a Candiano confermati Porto, Mancino, Lanza, Sella, Vindigni,Falco,Versace; il Modica attingerà a piene mani nelle giovanili dell’Airone e dell’Azzurra per rimpolpare la rosa di prima squadra visto che dal prossimo anno saranno ben sei i giovani che dovranno essere necessariamente in campo e solo cinque gli «anziani».