Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 986
MODICA - 08/06/2009
Sport - Scherma: agli assoluti di Tivoli tirano bene Iozzia, Cavallo e Polara

I fiorettisti della Scherma Modica restano in serie A1

Soddisfatto il maestro Eugenio Migliore per la prova a squadre

La squadra di fioretto maschile, mantiene il posto in serie A1. E’ questo uno dei risultati che la Scherma Modica porta a casa dai campionati italiani assoluti che si sono tenuti a Tivoli. Orazio Iozzia, Carlo Cavallo e Walter Polara si sono confrontanti con l’aristocrazia della scherma italiana e si sono difesi bene fino alla fine nonosnate in alcune gare l’inesperienza ha penalizzato la squadra della Scherma.

L’esordio con la squadra dell’Aeronautica militare con il modicano Giorgio Avola nelle vesti di ex e l’olimpionico Andrea Baldini ha visto in difficoltà i modicani che si sono rifatti subito contro il club Scherma Roma con 45-37. "I ragazzi sono stati straordinari- sottolinea Eugenio Migliore- hanno tirato con il coltello tra i denti. Voglio ringraziarli e complimentarmi con loro per li risultato ottenuto. Questi Campionati sono di certo un´occasione importante per i nostri giovani nel confrontarsi con i campioni azzurri".

Va sottolineato, scorrendo la classifica finale, come la Conad Modica sia una
tra le quattro società "civili" di A1 mentre il resto è monopolio dei gruppi sportivi militari. L´altra nota lietadella giornata è stata la medaglia d´argento che "il nostro" Giorgio Avola ha conquistato proprio con l´Aereonautica Militare (in squadra con Baldini, Oneto ed Alongi).

"Giorgio è ormai un professionista della scherma a tutti gli effetti - continua il maestro Migliore - ed il fatto che si trovi in forza all´Aereonautica ne è la logica conseguenza. Lo abbiamo affrontato da avversario, ma in fondo resta sempre un nostro atleta che vive, si allena e partecipa alla vita della nostra sala scherma".