Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:41 - Lettori online 1361
MODICA - 28/05/2009
Sport - Volley: la società ammaina la bandiera

Volley: Pvt si ritira dalla scena, il titolo di B1 all´asta

Il presidente Garofalo ammette: "Non ce la facevo più"
Foto CorrierediRagusa.it

Il Pro Volley Team ammaina bandiera. Il presidente Enzo Garofalo ha messo all’asta il titolo di serie B1. Dopo 19 anni di militanza in un campionato nazionale la società modicana ripartirà dalla serie C con un progetto dedicato soltanto alle giovani locali. Enzo Garofalo ha maturato la decisione e non intende ritornare indietro; il titolo di B1 detenuto dal Pvt è già stato richiesto da una società lombarda e da una pugliese e nei prossimi giorni le trattative dovrebbero chiudersi.

«Non ce la faccio più – è lo sfogo di Enzo Garofalo – Abbiamo fatto tantissimi sacrifici in questi anni, ci siamo impegnati, abbiamo tenuto alto il nome della città ed abbiamo giocato sui campi di tutto il sud Italia ed anche oltre. I costi per affrontare questo tipo di campionato sono altissimi dopo che i nostri sponsor ci hanno abbandonato. La situazione economica generale non ci induce a pensare ad un cambiamento di rotta da parte degli sponsor per cui a questo punto ho pensato di cambiare direzione. Il Pro Volley Team dal prossimo anno militerà in serie C con la squadra che ha già ben figurato quest’anno. Le atlete delle B1, tranne le locali, non resteranno a Modica, e saranno libere di accasarsi altrove».

Garofalo ha accumulato un passivo di 150mila euro circa nel corso dei due ultimi campionati che non hanno peraltro risultati tecnici apprezzabili. La stagione dello scorso anno è stata dispendiosa e deludente. Nonostante ingaggi di atlete di categoria superiore come Casoli e Spadaro il Pvt veleggiò a metà classifica. Quest’anno la società ha puntato sulle giovani ma solo grazie al ritiro di due società la salvezza è stata raggiunta. « Perché fare dei sacrifici ? – si chiede il presidente – Questa squadra non interessa a nessuno. La media degli spettatori è sulle trenta persone pur non facendo pagare biglietto. L’ultima iniziativa che abbiamo preso, il memorial Himmelberg, è stata accolta in modo tiepido dalle stesse istituzioni cittadine. L’assessore allo sport Enzo Scarso non si è neppure degnato di presenziare. Chiudiamo una lunga stagione con la speranza di rivederci ad alti livelli tra qualche anno».

(Nella foto in alto alcune giocatrici della squadra ai tempi d´oro)