Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 790
MODICA - 27/05/2009
Sport - Calcio: cambio di denominazione dopo un’attesa lunga 3 anni

Calcio: Libertas Acate addio, arriva il nuovo Modica Srl

Il Ds Galazzo: "Presenteremo la fusione tra Libertas Acate Modica e Torre Palazzelle, che era la società che abbiamo costituito a suo tempo, militante in terza categoria"
Foto CorrierediRagusa.it

Il Modica ricomincia dalla nuova ragione sociale. Non sarà più Libertas Acate Modica, come si presenta ormai da tre anni a questa parte, ma sarà Modica Srl. Luigi Galazzo (nella foto), direttore sportivo rossoblù, sta lavorando al cambio di denominazione. «Dovremo perfezionare la pratica in lega entro la fine del mese. Presenteremo la fusione tra Libertas Acate Modica e Torre Palazzelle, che era la società che abbiamo costituito a suo tempo, militante in terza categoria.

A fusione avvenuta chiederemo di cambiare denominazione e di diventare Modica Srl o qualcosa che porti il nome della città in primo piano. La tifoserie ce lo chiede da qualche anno, ci sono state polemiche ed anche dal punto di vista commerciale è qualcosa che ci procurerà vantaggio in quanto gli sponsor saranno più propensi ad investire in una società che si chiami ufficialmente Modica».

Il presidente Riccardo Radenza da parte sua ha in programma un incontro con il tecnico Pippo Romano per parlare del futuro. Romano si è detto disponibile a guidare il Modica ma vuole garanzie; non vuole lottare per non retrocedere ma per una squadra che possa battersi ai vertici. E’ la stessa richiesta che ha avanzato Gianluca Filicetti che ha ricevuto richieste da un paio di società di serie superiore.

Il capitano ha il suo mercato ed alla sua porta hanno bussato altre società di serie D del girone campano. Il giocatore tuttavia è propenso a restare in rossoblù ma non se la sente più di tirare la carretta e di stare sempre sul filo del rasoio. Sicuro partente invece è Maiko Candiano che approderà in una squadra allievi di serie A; a contendersi il 17enne centrocampista il Parma e il Bari. « Cercheremo la migliore sistemazione per lui – dice Luigi Galazzo – La famiglia e la società vogliono porre le premesse perché Maiko possa fare strada. Il suo splendido campionato ci autorizza a pensare che possa arrivare molto in alto se tiene i piedi ben piantati a terra».