Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 22 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 0:02
MODICA - 25/12/2017
Sport - Calcio, Promozione/D: rossoblù a metà classifica, fuori dalla zona pericolosa

Modica guarda avanti, Carpentieri: "Programmi rispettati"

Andamento regolare per la squadra che ha dovuto giocare a porte chiuse per oltre metà dell’andata Foto Corrierediragusa.it

Ultimo allenamento primo delle feste, auguri e regali. Atmosfera serena nel Modica Calcio (nella foto il gruppo) che si ritroverà per gli allenamenti mercoledì. Poi ancora una breve pausa a cavallo di Capodanno e quindi allenamenti giornalieri per preparare la trasferta di Priolo. Il presidente Mommo Carpentieri ha voluto essere presente e dare il suo saluto ed ha tracciato un primo bilancio della stagione agonistica: «Mi sento di dire che abbiamo chiuso il girone di andata nella posizione di classifica che speravamo. Il nostro obiettivo è la salvezza e credo che grazie all´impegno di tutti siamo in sintonia con quanto programmato a inizio stagione. Godiamoci tutti insieme questo bel campionato di Promozione che abbiamo conquistato meritatamente lo scorso anno e se riusciamo a restare tutti uniti penso che con un pizzico di fortuna in più potremmo toglierci ancora qualche altra soddisfazione. Ora stacchiamo la spina tutti per qualche giorno e dopo aver festeggiato con i nostri cari il Santo Natale ci ritufferemo in campo per prepararci al girone di ritorno che come sempre sarà un campionato diverso».

Il Modica ha chiuso il girone di andata a 21 punti, con sei vittorie, sei sconfitte e tre pareggi. In perfetta parità i gol subiti e fatti, 14. Ha perso due volte in casa e quattro in trasferta. Migliore il rendimento casalingo, 13 punti, solo 8 fuori casa. Le prime sei partite casalinghe sono state giocate a porte chiuse per l’inagibilità del «Vincenzo Barone» che ha condizionato non poco il rendimento della squadra.