Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 23 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:23 - Lettori online 434
MODICA - 25/10/2017
Sport - Scherma: al Cairo il fiorettista modicano è sesto nell’individuale e terzo nella prova a squadre

Giorgio Avola comincia bene in Coppa del Mondo

Nel ranking internazionale la squadra azzurra è prima insieme agli Usa Foto Corrierediragusa.it

Un terzo ed un sesto posto per Giorgio Avola alla prima prova di Coppa del Mondo 2017/2018. Al Cairo è partita il circuito ed Avola si è assicurato i punti che lo attestano ora all’ottavo posto del ranking. Il fiorettista modicano, che gareggia per il Gruppo sportivo delle Famme Gialle, ha superato il cinese Chen ai 64mi. Poi altra vittoria con il cipriota Tofalides e quindi ancora un cinese,Huang, per arrivare ai quarti di finale.

Nell´assalto dei quarti Avola affrontava lo statunitense Imboden che aveva la meglio. Migliore degli azzurri il ternano Foconi secondo classificato , e subito dietro Avola , Cassarà settimo. Nella gara a squadre Avola ha tirato insieme con Cassarà, Foconi e Nista (foto). Nel primo incontro subito un avversario ostico come la Gran Bretagna, con gli azzurri che con una partenza sprint dopo il primo giro di assalti con il punteggio di 15/4 soffocavano ogni velleità inglese, per poi chiudere con un netto 45/24. Ai quarti di finale Italia contro Germania, e anche qui una netta superiorità dimostrata dagli italiani lasciava i tedeschi distanziati nel punteggio finale 45/27.

In semifinale remake della finale mondiale dello scorso luglio contro gli Stati Uniti. Anche in questo caso come a Lipsia doppio capovolgimento di fronte, con gli USA avanti +8 a metà incontro , poi un grandissimo Cassarà rifilava un 13/2 a Imboden e riportava avanti l´Italia. Nel match finale Avola pur avanti per 40/39 non riusciva a chiedere contro Chamley Watson e l´Italia si doveva accontentare della finale per il terzo e quarto posto. Gli avversari per il gradino più basso del podio erano i cugini francesi, assalto molto combattuto e concluso con un 45/41 che valeva la medaglia di bronzo, e soprattutto il primo posto nel ranking internazionale a squadre a pari punti con gli USA. Prossima tappa nel circuito internazionale Tokyo a novembre.