Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 11 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 23:21 - Lettori online 411
MODICA - 17/04/2017
Sport - Calcio: 130 ex tra dirigenti, allenatori e calciatori riuniti per iniziativa di Orazio Pitino

La storia del calcio modicano rivissuta dai suoi protagonisti

Cinque squadre in 50 anni, Modica Calcio, Don Bosco Carpentieri, Carlo Papa e Libertas Foto Corrierediragusa.it

Storie di altri tempi, di campi polverosi, di promozioni, retrocessioni e crisi societarie. Una storia tutta rossoblù quella che si sono raccontata 130 protagonisti del calcio modicano, ognuno con il suo aneddoto, ognuno con i suoi ricordi di anni che furono. Il raduno voluto e organizzato da Nzuliddu Pitino ha riportato insieme allenatori, dirigenti, calciatori che nell’ultimo cinquantennio si sono persi di vista e si sono ritrovati attorno ad un tavolo sotto uno striscione su cui campeggiava la scritta «La storia siamo noi». Modica Calcio, Don Bosco, Carpentieri, Carlo Papa e Libertas Modica, sono state le squadre che dall’anno 1966 al 2014 sono state protagoniste nei vari campionati. Comune denominatore la presenza in questa cinquantennio la presenza di Pietro Scollo, il massaggiatore, consigliere, amico di tutti, cui ognuno dei presenti ha affidato muscoli e piccoli segreti. Lo hanno ricordato in tanti, soprattutto i tecnici presenti, Carlo Cesarato, Giorgio Giordano e Saro Maltese e dirigenti come Enzo e Meno Carpentieri, Franco Pitino. Nella lista dei ricordi sono anche finiti Don Tripoli, il sacerdote che nel 1966 diede vita alla Don Bosco, Antonino Gennaro, che della squadra fu dirigente e allenatore.

Ricordati anche altri che non ci sono più che ai colori rossoblù tanto diedero, Tino Sgroi e Roberto Salafia prima mezzala dal tocco sopraffino e poi allenatore. Del Modica promosso nell´allora 1a Categoria c’erano Pippo Macrì, Giovanni Spidaletto, Aldo Odierna, fino ad arrivare poi ad Emanuele Sarta ed Enzo Agosta. La Carpentieri rappresenta in quegli anni una fucina di giovani di avvenire oggi diventati adulti ma che tanto diedero al calcio ibleo, Enzo Pitino, Romeo Muccio, Totuccio Schembari, Giovanni Gallo. Un tuffo nel passato anche per le più giovani società come la Carlo Papa rappresentata da Peppe Sammito e la Libertas. Un brindisi ha chiuso la serata all’insegna del buonumore, con il pizzico della inevitabile tristezza per anni che furono ma con la piena consapevolezza di avere vissuto gli anni d’oro del calcio modicano.

(Nella foto da sin. Pinuccio Lavima, Aldo Odierna, Enzo Pitino, Giovanni Gallo, Carmelo Carpentieri, Claudio Baglieri, Romeo Muccio, Totuccio Schembari, Peppe Sammito e Cesare Sorbo)