Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 316
MODICA - 12/10/2016
Sport - Scherma: nell’ambito del progetto federale laeconda edizione del CMI (Club Movement Initiative)

Fiorettisti di 6 nazioni europei a scuola di scherma

Si sono confrontati con schermidori modicani e dei club di Catania, Siracusa e Ragusa per 4 settimane Foto Corrierediragusa.it

Il Palascherma modicano ha accolto fiorettisti di sei federazioni europee (foto). Gli under 23 di Gaganidze (Georgia), Hovhannesyan (Armenia), Cripwell (Irlanda), Rousu (Finlandia) Stiklica (Serbia) e Post (Olanda) hanno infatti tenuto i loro allenamenti di fioretto nell’ambito della seconda edizione del CMI (Club Movement Initiative). Gli atleti, coordinati dal direttore del corso, il Maestro Eugenio Migliore, coadiuvato dai Maestri Giancarlo Puglisi e Leandro Giurdanella, dall’istruttore Stefano Pedriglieri e dal preparatore atletico Emanuele Cappello, hanno dimostrato ottime capacità di apprendimento e grande interesse alle tematiche tecnico-tattiche e agonistiche impartite dai maestri modicani.

Gli atleti, rappresentanti di Paesi sicuramente in grande evoluzione sotto il profilo della crescita schermistica, si sono confrontati con schermidori provenienti oltre che dal sodalizio modicano, dai club di Catania, Siracusa e Ragusa. Lo stage, svoltosi nell’arco di quattro settimane, si è sviluppato in due sessioni quotidiane durante le quali si sono alternate la preparazione fisica, il lavoro di gambe-scherma, le lezioni e gli assalti, per un totale di 30 ore settimanali. Non secondario l’aspetto legato all’integrazione culturale e alla scoperta del comprensorio ibleo con l’organizzazione di tour guidati che hanno permesso ai sei atleti di immergersi in un territorio ricco di storia e oggi patrimonio dell’Unesco.

I corsisti sono inoltre stati seguiti da uno staff medico, assistiti da un fisioterapista, da un interprete italiano-inglese e, ogni giorno, è stata assicurata la presenza di un tecnico delle armi. Il corso si è concluso al Palazzo Grimaldi con la cerimonia di consegna dei diplomi alla presenza del Sindaco Ignazio Abbate, del Vice Presidente FIE e Presidente FIS Giorgio Scarso e del Presidente della Conad Scherma Modica Maria Monisteri.