Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 738
MODICA - 10/06/2016
Sport - Calcio, Eccellenza: incontro interlocutorio a palazzo S. Domenico tra la società e il sindaco

Modica Calcio, si parla del futuro. Tempi stretti per chiudere

Il presidente Gianni Iacono intenzionato a continuare l’esperienza ma chiede solide garanzie Foto Corrierediragusa.it

Incontro interlocutorio. Tra il presidente del Modica Calcio e il sindaco il gelo si è sciolto ma non è ancora scoppiata la scintilla. Gianni Iacono resta in attesa delle risposte che palazzo S. Domenico si è impegnato a dare a breve. Nel corso di un incontro avuto con il sindaco Ignazio Abbate, un consigliere comunale e il consulente per lo sport, il presidente del Modica ha ribadito la sua volontà di continuare a fare calcio in città nonostante la traumatica esperienza della scorsa stagione. Proprio per evitare il rischio del totale isolamento ha chiesto al sindaco un supporto logistico adeguato, a cominciare dalla disponibilità del polisportivo, l’aggregazione di alcune forze imprenditoriali disponibili a sostenere lo sforzo della società e il coinvolgimento di uomini e giocatori locali. Il presidente dal suo canto si è impegnato a mantenere la squadra in città, a continuare e a perseguire la strada del ripescaggio in Eccellenza.

Da un punto di vista formale e teorico Gianni Iacono potrebbe cambiare la ragione sociale del Modica Calcio 1932 visto che è ormai passato un anno dalla sua acquisizione. Sulla carta sarebbe anche possibile anche un trasferimento in altra sede cancellando così ogni aggancio con la città. Una strada che Iacono non vuole percorrere, pur se ha chiesto garanzie concrete e formali al sindaco. L’amministrazione, mai entusiasta per le sorti del Modica, si è riservata una risposta anche se i tempi rischiano di essere stretti. Entro il mese, infatti, bisognerà prevedere l’eventuale cambio della ragione sociale e il trasferimento in altro comune. Entrambe le ipotesi, tuttavia, sono lontane a meno di una brusca interruzione delle trattative.