Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 891
MODICA - 23/05/2016
Sport - Volley, B2: la società valuta l’andamento contrastante del campionato soprattutto nel finale

Pro Volley Team, tecnico e giocatrici sono in discussione

Stagione conclusa molto male con un andamento da retrocessione che fa riflettere Foto Corrierediragusa.it

Una stagione dai due volti. Per due terzi il Pro Volley Team è stato tra i protagonisti del girone rimanendo saldamente in testa alla classifica dopo avere battuto Castelvetrano, poi promosso, in B1, Taranto e Brindisi, andati ai play off. Un inizio di stagione autorevole nonostante la squadra di Ennio Cutrona fosse neopromossa. Corallo, Cianflone, Piscopo, Mercanti, Di Emanuele, hanno guidato la marcia del Pro Volley Team fino a Pasqua imponendosi all’attenzione e accreditandosi come squadra candidata alla promozione soprattutto dopo il successo casalingo contro Castelvetrano. Poi il black out con solo 4 punti nelle ultime sei partite, con un ruolino di marcia da retrocessione che hanno condotto le biancorosse dal primo al quarto posto in classifica. E’ sfuggita così la promozione ma anche i play off e il Pvt si è dovuto accontentare di un quarto posto. Dice il ds Enzo Garofalo: «Il risultato di per sé è oggettivamente positivo perchè da neopromossi avremmo firmato ad inizio stagione per un risultato del genere. Se guardiamo l’andamento del campionato, e soprattutto dell’ultima fase, ci poniamo molte domande. Faremo una analisi insieme al tecnico per capire cosa è successo».

Dal punto di vista tecnico non c’è stato sicuramente un calo atletico perché la squadra ha giocato fino all’ultima partita al massimo contro il Planet Pedara, arrivando a un tie break tirato. Al sestetto modicano è mancata la personalità in campo nel momento decisivo, è subentrata la paura di vincere, e nonostante l’esperienza di alcune giocatrici, il gruppo ha praticamente tirato il freno a mano. E’ probabile che anche qualche gelosia di spogliatoio e qualche incomprensione tra le atlete abbiano creato qualche malumore e qualche frattura che non è stata gestita al meglio da tecnico e società. Per il futuro la società si è riservata di decidere quale impostazione dare. Di certo squadra e tecnico sono in discussione ma prima di decidere e varare il nuovo progetto i dirigenti valuteranno e parleranno chiaro con tutto lo staff.