Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 711
MODICA - 27/09/2015
Sport - Calcio, Eccellenza: la commissione di vigilanza sui pubblici spettacoli non si è riunita

Modica senza pace. Il "Caitina" è senza acqua e resta chiuso

La società si dice "scoraggiata" e ha dovuto ricorrere al comunale acatese che sarà interdetto al pubblico Foto Corrierediragusa.it

Il Polisportivo della "Caitina" (nella foto) resta chiuso. La partita in programma per la terza di campionato contro il Giarre si gioca a Comiso seppur a porte chiuse. Il sopralluogo della commissione di vigilanza che doveva autorizzare almeno l´utilizzo parziale della struttura della "Caitina" non si è tenuta. Nonostante gli impegni e le rassicurazioni di palazzo S. Domenico al " Caitina" non funzionano infatti le pompe dell´acqua che sono rimaste bloccate e dunque inservibili. Impossibile a questo punto preveder anche l´utilizzo seppur limitato della struttura che da mesi versa in condizioni di abbandono. "Siamo scoraggiati e sconsolati" -dice il vicepresidente della società, Aldo Occhipinti- Ci era stato promesso di tutto. Abbiamo rinunciato alla convenzione ventennale e ci ritroviamo ancora senza un campo. Dobbiamo fare i salti mortali e francamente siamo delusi". La società ha dunque comunicato ufficialmente al Comitato regionale che la partita non potrà disputarsi a Modica e quindi sarà disputata a Comiso.

Dal punto di vita tecnico Gaetano Lucenti cerca risposte dalla quadra che affronterà il Giare. Il tecnico chiede i primi punti ma soprattutto una risposta convincente sul campo dopo la delusione di domenica contro il Rocca di Caprileone. La squadra si è allenata in settimana ma la situazione generale di incertezza non aiuta neppure i giocatori che avrebbero bisogno di fiducia e del sostegno dei tifosi che hanno abbondato la squadra a se stessa.