Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 869
MODICA - 22/07/2015
Sport - Calcio, Eccellenza: l’iscrizione perfezionata presso la sede del Comitato provinciale della Figc

Modica iscritto in Eccellenza, si cerca una nuova dirigenza

Gli uscenti Pietro Bellia e Sebastiano Failla hanno avuto contatti con un paio di gruppi interessati ma ancora nulla di concreto Foto Corrierediragusa.it

Il Modica 1932 si è iscritto al campionato di Eccellenza. Un atto arrivata sul filo del rasoio e non sostanziata, almeno per ora con la quota dovuta per l´iscrizione. Si attenderà la prossima settimana quando dovrebbe concludersi il passaggio di proprietà tra l´attuale dirigenza, rappresentata da Pietro Bellia e Sebastiano Failla (nella foto: da sin.), e un nuovo gruppo interessato a subentrare. E´ quanto assicura il vicepresidente Failla che ha formalizzato l´iscrizione presso il comitato provinciale della Figc del capoluogo. Sulla base delle assicurazioni della dirigenza il titolo dunque non andrà perso anche se ancora non sono noti i dettagli del passaggio. Il nuovo gruppo non è modicano ma su tutta l´operazione, che riferiamo per onore di cronaca, permangono molti dubbi.

Intanto in città si muovono i passi per costituire una società ex novo che parte dalla volontà di alcuni dirigenti locali che fanno riferimento al nucleo della società Azzurra del presidente Gianni Gibaldi, che insieme ad altri sportivi, è disponibile a mettersi in gioco. La nuova società ha già un nome, "Modica, Città della Contea" e sarà ufficializzata in un incontro con l´amministrazione. progetto comunque è già stato steso nelle sue linee generali. Il "Modica, Città della Contea" si iscriverà in Prima categoria o, se sarà ammesso, partirà dalla Promozione. Giocherà al "Vincenzo Barone" per superare tutti gli ostacoli connessi alla inagibilità del polisportivo della Caitina che versa in condizioni precarie e si affiderà ad un tecnico locale capace di lavorare con i giovani. Perchè saranno proprio i giovani locali ad essere il nerbo della nuova società per cominciare a costruire qualcosa di solido e duraturo senza ripetere gli errori del passato più o meno recente.