Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 496
MODICA - 09/07/2015
Sport - Volley, B2: da definire la posizione di Davide Zito, che ha guidato i biancazzurri nella scorsa stagione

Volley Modica cerca tecnico, sarà Corrado Scavino?

A favore di Scavino parla la conoscenza dell’ambiente, la collaborazione con il fratello Giorgio, attuale direttore generale della società, e la conoscenza del volley siciliano a vari livelli Foto Corrierediragusa.it

Il Volley Modica sfoglia la margherita. La dirigenza è alle prese con la scelta dell´allenatore della prossima stagione che vedrà i biancazzurri ai nastri di partenza della B2. Gli sponsor hanno confermato il loro sostegno ai dirigenti che si sono messi subito al lavoro per programmare la stagione. La scelta del coach si farà tra l´uscente Davide Zito e l´autentica novità rappresentata da Corrado Scavino (nella foto). Per quest´ultimo non sarebbe solo un ritorno a casa dopo varie esperienze che lo hanno portato a Siracusa, Ribera e da ultimo a Tremestieri ma anche un cambio di campo. Perchè per Scavino si tratterebbe dell´esordio assoluto nella pallavolo maschile. L´interessato per il momento gira alla larga e si limita a dire: "Stiamo discutendo. E´ ancora troppo presto per una decisione".

A favore di Scavino parla la conoscenza dell´ambiente, la collaborazione con il fratello Giorgio, attuale direttore generale della società, e la conoscenza del volley siciliano a vari livelli. Tutta da verificare la capacità di saper gestire al meglio una formazione maschile notoriamente meno "plasmabile" di un sestetto al femminile. Davide Zito attende una risposta; il suo campionato ha centrato l´obiettivo della salvezza ed ha quasi sfiorato i play off. In società tuttavia qualcuno ha storto il muso per le resistenze del tecnico a osare di più nel mandare in campo i più giovani preferendo affidarsi alla vecchia guardia. Se Zito andrà via lo seguirà anche Campo, suo fedelissimo da sempre e si aprirà così una falla nello scacchiere modicano.