Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 629
MODICA - 05/09/2014
Sport - Calcio, Eccellenza: con un organico all’altezza ma una panchina non lunghissima

Che Modica sarà? Filicetti guida in campo e fuori il nuovo corso rossoblù

Esordio al "Celeste" contro il Città di Messina, fresco di retrocessione.Impianto vietato ai tifosi perchè non omologato Foto Corrierediragusa.it

Che Modica sarà? C´è attesa per la squadra che il duo Filicetti-Schiavo ha assemblato facendo tesoro dell´esperienza dello scorso campionato. Il Modica riparte con un assetto societario completo in tutte le sue componenti, con maggiori certezze e più esperienza per evitare colpi di testa e cadute di stile che in qualche frangente nella scorsa stagione pregiudicarono, dalla gara interna col Siracusa in poi, le ultime gare di campionato. Gianluca Filicetti (nella foto) resta sempre il punto di equilibrio in campo e fuori anche se il doppio ruolo di allenatore-giocatore non dà sempre i risultati migliori. Il giocatore è comunque capitano dilungo corso e fresco di patentino ed a lui il Modica affida molto del suo destino. In campo è punto di riferimento ed ispiratore della manovra, motivatore e sprone per i più giovani. Fuori dal campo ha carisma e sufficiente autorità. Molto del rendimento dei rossoblù dipende dal reparto offensivo che nelle ultime stagioni è stato il punto debole della squadra.

Il Modica si affida ad Okolie e Porto che sulla carta sono coppia bene assortita. Il centrocampo ha perso il sostanzioso contributo di Maiko Candiano e toccherà a Iozzia e Valerio tirare la carretta. Il reparto difensivo sull´asse Limone-Pianese-Cassibba garantisce tenuta a meno di amnesie collettive, vedi Vittoria. Il Modica è sulla carta da zona play off ma molto dipenderà anche dal livello del campionato, da infortuni e squalifiche anche perchè la panchina non è lunghissima.

Si parte dal Città di Messina, fresco di retrocessione e ringiovanito. Si giocherà a porte chiuse al "Celeste" perchè non omologato. I tifosi dovranno rinunciare alla trasferta e prepararsi alla prossima gara interna con l´Igea Virtus per vedere all´opera i loro beniamini posto che i lavori al "Caitina" siano ultimati.