Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 585
MODICA - 05/06/2008
Sport - Calcio - Ma il presidente Radenza rassicura sul futuro della squadra

Il Ds Cicchetti saluta il Modica
Melchionna riflette sul da farsi

Cicchetti:"Non sono abituato ad improvvisare, arrivederci a tutti" Foto Corrierediragusa.it

Il Ds Alessandro Cicchetti (nella foto) se ne va, l´allenatore Felice Melchionna è sul piede di partenza, ma Radenza rassicura. I ritardi nell’avvio della programmazione della prossima stagione inducono il direttore sportivo ad abbandonare la società rossoblu e l’allenatore a mettersi automaticamente sul mercato alla ricerca di altre opportunità. « Per me il discorso è chiuso- dice Alessandro Cicchetti ? Ho atteso un segnale da parte del presidente; ci eravamo dati appuntamento a fine maggio ma non ho sentito nessuno. So solo che non posso attendere più e da oggi mi guarderò intorno alla ricerca di altre soluzioni per il mio futuro.

Non si può programmare a metà giugno una stagione; ricordo che sia l’anno scorso sia due anni fa abbiamo impostato la squadra ad aprile ed abbiamo ottenuto risultati. Non sono abituato ad improvvisare, arrivederci a tutti». Da parte sua Felice Melchionna non ha ancora detto ufficialmente no ma comincia a guardarsi attorno. « Ho già avuto diverse richieste ? dice il tecnico ? Ho risposto di no sapendo del mio impegno con il Modica. Sono stato lasciato all’oscuro di tutto e nessuno si è fatto sentire nonostante gli impegni presi. Mi dispiacerebbe lasciare il Modica ma la situazione non mi piace».

In seno alla società rossoblu per il momento tutto sembra sospeso visto anche l’impegno elettorale di Riccardo Radenza. « Sono sorpreso delle dichiarazioni di Mlechionna. Ci eravamo lasciati con un programma preciso. Avevo assegnato un budget per la squadra ed avevo dato il via alle operazioni. Ora apprendo che c’è un ripensamento e voglio verificare come stanno le cose. Oggi intanto incontro i giocatori per saldare il penultimo stipendio e la prossima settimana pagheremo l’ultimo avviando anche un discorso per la prossima stagione.

Con Melchionna ci sentiremo sicuramente e non vedo difficoltà per continuare la nostra collaborazione. Piuttosto- conclude Radenza ? faccio un appello alla città perché partecipi alle sorti del Modica calcio. Io sono stato lasciato solo perché anche gli altri dirigenti hanno dato forfait. Sia chiaro che da solo non posso impegnarmi per una squadra di livello ed il Modica rischierebbe un campionato anonimo se non la perdita della categoria. Chiedo a tutti di fare uno sforzo, di partecipare, di aiutarmi perché la squadra non è mia.»