Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 742
MODICA - 25/04/2014
Sport - Sette anni fa avevano festeggiato il matrimonio di diamante

Sposi da 67 anni! Quando il nome Amore si fa destino

Si sposarono il 26 aprile del 1946 nella chiesa di S. Paolo Foto Corrierediragusa.it

Sposati da 67 anni. E´ un matrimonio record, o quasi, quello che Giorgio e Margherita (nella foto) festeggiano sabato. Giorgio Amore, 94 anni, muratore in pensione, alle prese con gli inevitabili acciacchi dell’età ma sempre lucido e Margherita Candiano, 88 anni, casalinga, tagliano un traguardo invidiabile. Il 26 aprile del 1947 si unirono in matrimonio nella chiesa di S. Paolo e al 67mo anniversario di quella data la figlia, quattro nipoti e sei pronipoti ed i tanti amici ricorderanno questo speciale anniversario. Residenti in una traversa di via Tirella, Giorgio Amore e Margherita Candiano cercano di portare il loro ménage familiare ad esempio per i tanti giovani che, di questi tempi, vivono il matrimonio più come un fastidio che come una risorsa. Hanno sempre affrontato la vita insieme nel pieno rispetto reciproco, dimostrando di avere la massima consapevolezza del tempo trascorso l’uno accanto all’altra.

«Godiamo di discreta salute – dicono – e, soprattutto, siamo uniti e felici come non mai anche se la nostra vita è stata costellata di gioie e dolori, come quella di tutti. Come ci siamo conosciuti? E’ accaduto tanto tempo fa. Eravamo giovani, molto giovani. Ma possiamo senz’altro dire che, nonostante le convenzioni di quei tempi, il nostro è stato un matrimonio d’amore, non foss’altro per il cognome che poi avrebbe accompagnato la nostra vita, Amore appunto». I due, sette anni fa, in occasione del sessantesimo anniversario, avevano ricevuto una targa dal sindaco del tempo per le nozze di diamante. «E’ stato un momento felice – dicono – che ci ha riempito di gioia e di emozione. Ma l’emozione più grande è di potere avere vicino tutti i nostri cari in una giornata così speciale». Giorgio Amore, di stanza in Sardegna in occasione della Seconda guerra mondiale, è stato anche immigrato in Venezuela dove ha sempre esercitato il proprio mestiere con grande capacità operativa, tanto da meritarsi l’appellativo di «mastro», conquistato sul campo. La moglie, Margherita, invece, ha sempre curato con la massima attenzione il focolare domestico prendendosi cura dei figli (uno, purtroppo, è scomparso nel 1988 in seguito ad un incidente stradale) e dei quattro nipoti.