Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1427
MODICA - 26/11/2013
Sport - Calcio, Eccellenza: dopo Vittoria comunicato dei giocatori: "Qualcuno ci ha preso in giro"

Ufficiale: il Modica emigra ad Avola. Una "sberla" in faccia alla città

Il comunicato ufficiale della Lega dilettanti di Palermo parla chiaro ed indica nel "Memo De Pasquale" il terreno di gioco della gara contro il Taormina Foto Corrierediragusa.it

Arrivederci Modica. I rossoblù si trasferiscono armi e bagagli ad Avola dove domenica disputeranno la partita di campionato contro il Taormina. Lo si legge nel comunicato 206 reso noto dalla Lega dilettanti di Palermo con il quale alpunto 2.2 si legge testualmente: Si informa che la Società Modica Calcio disputerà le gare interne sul campo Comunale «Memo de Pasquale» di Avola sempre nelle giornate di Domenica. Ad ulteriore conferma ed a scanso di equivoci viene precisato che la partita Modica Taormiona "Giocasi sul campo Comunale Memo de Pasquale" di Avola alle 14.30".

E´ l´epilogo di una vicenda che non fa onore a nessuno, un evento che in modo strutturale e per precisa volontà della società non si era mai verificato nella storia del calcio modicano. Giocare su un campo diverso da quello della città è possibile ma vuol dire in termini chiari che non esiste alcun legame tra la società e la città e di questo tutti dovranno prendere atto. La decisione della dirigenza del Modica calcio è l´inizio di un braccio di ferro che alla fine vedrà tutti perdenti a cominciare dai giocatori e dai quei pochi tifosi che ancora seguono il Modica anche a causa di una conduzione ondivaga e spesso dettata da emozioni e contrapposizioni personali. Ora tocca alla città, rappresentata in questo caso dal sindaco, fare in modo che questo passo non si consumi per tutti i risvolti che comporta anche a livello di immagine. Il Modica può anche affondare ma lo faccia almeno a casa sua, sotto quel tetto che lo ha ospitato dalla sua fondazione e che ora qualcuno ha deciso di abbandonare.

Il comunicato dei giocatori
Un punto nel derby che aiuta la classifica ma non risolve i problemi di fondo del Modica. Ai giocatori il merito di battersi e fare il proprio dovere. E sono proprio i rossoblù a volere mettere in chiaro con un comunicato la loro posizione. Un ringraziamento a Piero Cundari che si è assunto l´onere di portare, comunque, a termine il campionato, a meno di improbabili offerte dell´ultima ora ma anche una presa di posizione perchè Filicetti e compagni si sono sentiti presi in giro soprattutto alla luce della rinuncia della trasferta di Brolo che è costata l´eliminazione della Coppa Italia.

"Siamo persone serie -scrivono- e continueremo a fare il nostro dovere come abbiamo fatto in questi mesi di assoluta incertezza. Nonostante le promesse fatteci, quali le garanzie economiche per finire il campionato, che di colpo sono scomparse, ci siamo sentiti presi in giro e noi a questo gioco non ci stiamo. Siamo persone serie e padri di famiglie ed abbiamo vissuto sempre il calcio con molta serietà".

Il comunicato che tutti i giocatori si sono sentiti di firmare è indirizzato alla pubblica opinione per far conoscere lo stato d´animo in cui la squadra opera ed affronta le gare. Un profilo di certezza è dato dall´assicurazione di Cundari di restare al comando anche se il segnale della rinuncia alla gara di Coppa Italia non ha deposto bene per tutta la società e non ha certamente aiutato il morale dei giocatori che sottolineano nel comunicato come a questo appuntamento tenessero molto. La settimana dovrebbe essere più tranquilla e serena per i rossoblù che potranno preparare la gara interna contro il Taormina anche se resta sempre il problema della agibilità parziale del polisportivo della "Caitina" senza la quale Cundari si è detto pronto ad emigrare, seppur per l´occasione delle gare interne, verso qualche altra struttura sportiva.