Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1348
MODICA - 16/11/2013
Sport - Calcio, Eccellenza; per i rossoblù 3 gare in una settimana, Misterbianco, Tiger in Coppa, e Vittoria

Modica: Cundari non si è dimesso. Giocatori scioperano ma con Misterbianco si gioca

Il presidente vorrebbe essere avvicendato da uno dei suoi più stretti collaboratori. Sondato il sindaco per un sostegno economico Foto Corrierediragusa.it

Si fermano i giocatori del Modica e tutto lo staff tecnico. In attesa di chiarimenti e certezze sul futuro della società. La decisione è stata presa ieri a conclusione di un lungo faccia a faccia tra tutti i componenti della rosa ed a conclusione della quale è stato emesso un comunicato ufficiale. Decisione unanime che discende da quanto succede in questi giorni attorno al futuro della società.I giocatori sono turbati e confusi ed hanno deciso di astenersi dagli allenamenti e dalle prestazioni a cominciare da lunedì. Una settimana particolarmente delicata perchè mercoledì c´è la trasferta di Coppa Italia a Brolo e domenica il derby a Vittoria.

I giocatori avevano intenzione di non giocare anche contro il Misterbianco ma in menoria di Don Pietro Scollo, deceduto sul colpo lo scorso aprile proprio in occasione della gara contro il Misterbianco (pur se il fatto luttuoso è avvenuto sul campo etneo) hanno deciso di scendere in campo. Poi scatterà il "fermo" assoluto delle attività a meno che la trattativa per il passaggio della società non faccia segnare una svolta, comunque, positiva.

La trattativa tra Piero Cundari e l´amministrazione comunale

Primo incontro tra il Modica Calcio e l´amministrazione comunale. Il vicepresidente Eugenio Abramo ed il consigliere Saro Vindigni hanno avviato i colloqui con l´amministrazione, rappresentata dal sindaco e dall´assessore allo sport, Rita Floridia, per definire il passaggio della società. Il dato di fatto è che il presidente Piero Cundari (nella foto) non ha formalizzato le dimissioni come annunciato da oltre un mese a questa parte e resta dunque in carica. Cundari ha delegato i suoi più stretti collaboratori che hanno ipotizzato non il passaggio della società consegnandola al sindaco ma un passaggio di titolarità della presidenza. Una sorta di avvicendamento al vertice della società che nella sostanza cambierebbe solo formalmente l´assetto.

Come era possibile ipotizzare tutto gravita attorno alla copertura dei costi per la conclusione del campionato in corso. Pur se non ci sono state dichiarazioni ufficiali in merito la società chiederebbe un intervento del sindaco per sostenere oneri e soprattutto debiti accumulati. Voci di corridoio parlano di debiti che oscillano tra i 50 e gli 80 mila euro. Il sindaco da parte sua ha ribadito che il passaggio di proprietà all´interno dello stesso Consiglio di amministrazione non comporta l´avallo dell´ente ma è un fatto attinente solo alla attuale dirigenza.

Diverso il discorso di un eventuale ripianamento del debito consolidato o di un intervento finanziario. Il comune non può affrontarlo anche se può fare da mediatore per favorire l´avvento di un nuovo gruppo dirigente. La riunione si è risolta in un nulla di fatto; Cundari resta presidente e gli intervenuti si sono aggiornati a lunedì in attesa di approfondimenti. Intanto si prospetta una settimana impegnativa per i colori rossoblù. Domenica c´è il Misterbianco, poi la trasferta infrasettimanale a Brolo per il turno di andata degli ottavi di Coppa Italia che ha messo di fronte i rossoblù contro il Tiger e quindi il derby con il Vittoria. I giocatori si sono tenuti fuori ed alla larga dalle vicende societarie ma è difficile dire fino a che punto riusciranno ad essere impermeabili soprattutto in relazione al loro futuro.