Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 878
MODICA - 25/10/2013
Sport - Calcio, Eccellenza: contro i tirrenici rientra Filicetti ma serve concentrazione

Piero Cundari: "Modica città in declino" ed il sindaco dà il "benservito" al presidente

Botta e risposta tra sindaco e presidente, che conferma il suo abbandono dal 15 novembre Foto Corrierediragusa.it

E´ batti e ribatti tra sindaco e presidente mentre il Modica si appresta alla trasferta di Mazzarrà. Come è avvenuto in queste ultime settimane il fatto sportivo è passato in secondo piano e tiene banco il futuro della società. Piero Cundari (nella foto) ha ribadito in una lettera aperta al sindaco di essere pronto a lasciare dal 15 del mese prossimo ed ha spiegato anche perchè: "Le ribadisco che le mie dimissioni sono definitive; Modica è una città bellissima, ma 50 anni di vita e la mia provenienza mi hanno insegnato a comprendere immediatamente quando all´orizzonte di una comunità appare l´ombra del degrado e del declino". Parole forti non solo per Ignazio Abbate ma per tutta la città dove Cundari opera da due anni. Cundari affonda ancora nei confronti di Abbate: "Anziché badare alla sostanza delle cose Lei è costantemente alla ricerca di un palco o di un ring su cui esibirsi e pensa che, radicalizzando il confronto, trasformandolo in scontro, si possano risolvere i problemi. Caro sindaco Abbate, probabilmente lei ha cattivi consiglieri o informatori".

Prima di fare richiami ad una gestione del Modica Calcio che riporti le famiglie allo stadio, cominci a dare l´esempio frequentando il Polisprtivo la domenica quando il Modica gioca in casa" La lettera aperta al sindaco non lascia spazio ad eventuali avvicinamenti anche per il sindaco non vuole "pregare nessuno. Essere il presidente del Modica deve essere un onore e non un onere". Capitolo chiuso dunque ed Ignazio Abbate conferma che ha in tasca i nomi dei dirigenti che subentreranno a Cundari. Top secret i nomi ma l´amministrazione vuole intestarsi la nuova vita della società. La squadra vive da lontano queste vicende ma non c´è dubbio che i giocatori sono preoccupati per il loro futuro. Domenica si affronta la trasferta di Mazzarrà dove il Modica può fare il colpaccio. Rientra Filicetti ed il tecnico ha a disposizione tutta la rosa. L´obiettivo è quello di sfruttare al massimo le prossime due gare, Mazzarrà e Rometta in casa prima della partitissima contro il Siracusa di domenica 10 che potrebbe essere l´ultima sotto la gestione Cundari.