Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 390
MODICA - 04/05/2008
Sport - Calcio serie D - Ultimi verdetti. Play out. S. Antonio-Paternò, Caserta-Castrovillari

L´allenatore Felice Melchionna fa il punto sull´anno rossoblu

Campobello ed Ippogrifo in Eccellenza Foto Corrierediragusa.it

« Non abbiamo mai rischiato e siamo sempre stati al sicuro da ogni pericolo. Peccato per quei tre punti che ci hanno tolto perché avremmo potuto benissimo arrivare ai play off. « L´allenatore del Modica Felice Melchionna (nella foto mentre riceve la targa premio) fa un primo consuntivo del campionato che la sua squadra ha chiuso a quota 44. I numeri parlano chiaro perché il Modica si è piazzato a centro classifica grazie a dieci vittorie e dieci pareggi ed ha subito 14 sconfitte di cui tre in casa; a violare il polisportivo della Caitina sono stati nell’ordine Acicatena, Cosenza e S. Antonio Abate all’ultima giornata. Anche il bilancio tra gol fatti e subiti è praticamente pari con 40 gol fatti e 43 subiti con una media inglese di ? 18. Il miglior marcatore è stato Filicetti che ha segnato dodici gol, di cui due su rigore. « La squadra ha sempre risposto alle mie sollecitazioni e non ci sono stati problemi di gestione. L’unico rimpianto è che avremmo dovuto operare sul mercato a Novembre invece di attendere Gennaio quando è arrivato Pierotti al posto di Genova.»

Il futuro di Melchionna si chiama Modica ?

Abbiamo già cominciato a parlare con il presidente Riccardo Radenza. Questa settimana ci incontreremo ancora. Le mie richieste sono ormai note. Vorrei una società meglio organizzata come staff medico e paramedico ed una squadra competitiva per puntare in alto. Penso che possiamo chiudere un accordo con il presidente Radenza ma attendiamo ancora qualche giorno».

Sul fronte giocatori alcune partenze sono date per scontate per vari motivi; POlessi vuole giocatore gli ultimi anni di carriera da titolare e cambierà aria soprattutto se la Reggina trasferirà Niceforo in rossoblu. In partenza ci sono anche Antonio Crucitti, destinazione Taranto, e Antonio Sinicropi sul quale hanno puntato gli occhi Lamezia e Gela.

Modica ? S. Antonio Abate 0 ? 1
Marcatore : 12’ pt Gilfoni.

Modica : Polessi 6, Cassibba 6 ( 1’st Arena 6), Sella 6, Gay 6, Sinicropi 6, Montalto 6, Calabrese 6, Crucitti 6 ( 15’ st Manzano 6); Pierotti 6, Filicetti 6 ( 9’st Gulino 6), Quintoni 6. All. Melchionna

S. Antonio Abate : Capasso 6, Silva 6, Scala 6, Ferraioli 6, D’Aniello 6, Alterio 6, Gilfone 7, Vitagliano 6, De Rosa 6 ( 27’st Martone 6), Carrato 6( 22’st Cannetiello 6), D’Auria 6(35’st Acampora sv). All. Nastri.

Arbitro : Larconelli di Trieste 6.

Note: 500 spettatori circa. Targa consegnata a Melchionna ed al suo staff da parte dei tifosi. Espulso Acampora al 45’st per fallo. Ammoniti Capasso, Alterio e Vitagliano tra gli ospiti, Montalto del Modica. Angoli 12 a 3 per il Modica.
Recupero 1’pt, 6’ st.


Modica ? Non si festeggia né in campo né negli spogliatoi quando l’arbitro Larconelli fischia la fine della gara. Il S. Antonio Abate dovrà giocare i play out contro il Paternò e la vittoria sul Modica serve a poco.

Per i campani i tre punti sono serviti solo a migliorare la posizione in classifica ma la delusione è stata tanta quando un dirigente accompagnatore ha riferito del gol all’ultimo minuto dell’Acicatena sul Vittoria.
Non festeggiano neppure i rossoblu locali che volevano congedarsi dal loro pubblico con un successo e non ci sono riusciti nonostante le tante occasioni create. Al Modica vanno i complimenti dell’allenatore Nastri ma Melchionna avrebbe preferito congedarsi in modo più onorevole piuttosto che collezionare la terza sconfitta casalinga dopo quelle con Acicatena e Cosenza.

Il S. Antonio ha messo al sicuro il risultato nel primo quarto d’ora del primo tempo con un guizzo di Gilfone che ha approfittato di un attimo di indecisione di Montalto e sulla palla lunga rinviata da Capasso si è inserito bruciando Polessi in uscita. Il Modica è ripartito ed ha cominciato a macinare gioco soprattutto grazie ad un ispirato Filicetti sulla fascia destra.
Il capitano si è inserito tre volte nel cuore della difesa avversaria crossando palloni che volevano solo essere spinti in rete ma Pierotti, Calabrese e per ultimo Montalto non sono stati d’accordo.

Clamorosa l’occasione di Montalto al 38’ quando sul colpo di testa di Calabrese destinato in fondo al sacco il difensore onora il suo ruolo , ci mette il piattone e manda alle stelle da due metri. Nel secondo tempo è ancora Modica con il S. Antonio ormai rinchiuso a difesa del vantaggio. I modicani tuttavia non trovano la porta di Capasso e la sostituzione di Filicetti non aiuta di certo la squadra.

Gulino non si fa notare ed Arena , al posto di Cassibba , conferma il suo momento no. Bisogna arrivare proprio al sesto minuti di recupero per l’ultima emozione. Sul tiro di Pierotti c’è un batti e ribatti in area , Capasso è forse oltre la linea quando blocca la palla ma l’arbitro dice di no ed il risultato non cambia. Il Modica viene perdonato dai suoi tifosi che applaudono nonostante la sconfitta; la squadra ha raggiunto in modo onorevole l’obiettivo prefissato in avvio di stagione ed ora guarda con un certo ottimismo al futuro.

SPOGLIATOI

C’è silenzio nell’area antistante lo spogliatoio campano.
L’allenatore Nastri riassume lo stato d’animo della squadra e di tutta la società - « Questo calcio non mi piace perché la sportività non esiste. Onore al Modica che ha giocato per vincere ed ha disputato una grande partita dando esempio di correttezza. Non è stato così altrove; il risultato di Acicatena è stato studiato a tavolino con quel gol all’ultimo minuto e ci penalizza troppo. Ci dobbiamo riprendere psicologicamente perché quella di oggi è stata una brutta botta.

Per Felice Melchionna è solo una questione di concentrazione « Se avessi potuto li avrei sostituiti tutti e undici alla fine del primo tempo. Non c’eravamo con la testa,abbiamo sbagliato troppo; per fortuna era solo l’ultima partita di un campionato che abbiamo giocato bene.
Per il futuro non so; questa settimana ci incontriamo con il presidente e parleremo. Voglio una società più organizzata ed una squadra più ambiziosa.


Serie D - Girone I
34.A GIORNATA (Ultima di ritorno 04 maggio 08)

Acicatena-Vittoria 2-1
Adrano-Caserta 3-2
Angri 1927-Siracusa 3-2
Campobello-F.Cosenza 2-5
Castrovill.-Gel.Cil. 2-0
Modica-S.A.Abate 0-1
Paterno´-Nocerina 2-1
Rosarnese-Ippogrifo 2-1
Sibilla-Turris 1-0

I verdetti
F.Cosenza in C2
Campobello in Eccellenza

La classifica definitiva
F. Cosenza 80
Sibilla 71
Nocerina 60
Siracusa 55
Adrano 50
Angri 1927 50
Gel.Cilento 46
L. Acate 44
Turris 44
Rosarnese 43
Acicatena 42
Vittoria 42
S.A. Abate 40
Caserta 39
Castrovill. 35
Paterno´ 33
Ippogrifo 31
Campobello 21


Foto di MAURIZIO MELIA