Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 923
MODICA - 18/10/2013
Sport - Calcio, Eccellenza: agibilità solo fino a fine anno. Il Modica vuole vincere dopo lo scivolone di Rosolini

Telenovela "Caitina", contro lo Scordia tifosi modicani solo in tribuna B

La commissione sui pubblici spettacoli è categorica: per la tribuna A bisogna realizzare i servizi igienici a supporto Foto Corrierediragusa.it

Tutti in tribuna B. La partita contro il Gymnica Scordia si potrà giocare davanti al pubblico ma solo la tribuna B sarà aperta. E´ questo il responso della commissione comunale di vigilanza sui pubblici spettacoli che ha effettuato il sopralluogo al polisportivo della "Caitina". L´agibilità della tribuna B è stata concessa fino al 31 dicembre per un totale di 650 posti per i locali e 350 per l´area ospiti. Per concedere, invece l´agibilità della tribuna A, la società dovrà realizzare i servizi igienici di supporto così come dalle prescrizioni della commissione.

Il braccio di ferro con la società dunque continua ed il presidente Piero Cundari ha fatto sapere a più riprese che non intende costruire a sue spese i servizi igienici. Questa contrapposizione ha portato il presidente alla decisione di dimettersi a metà novembre visto che, secondo la sua visione delle cose, non c´è un clima collaborativo con l´amministrazione ed anzi il Modica Calcio lamenta un atteggiamento ostile. Per la squadra la presenza del pubblico e dei tifosi è un elemento positivo ma è tutto il clima che si respira che non favorisce il lavoro e l´impegno dei giocatori e dello staff.

La verifica si è avuta già domenica scorsa a Rosolini dove, al cospetto di un avversario modesto, i rossoblù hanno giocato in modo approssimativo, quasi distratti da tutto quanto sta succedendo loro attorno. Le dimissioni di Cundari aprono infatti un panorama di incertezze sul futuro della società anche se il sindaco Ignazio Abbate ha assicurato che, in caso di defezione, ha la carta pronta per intervenire. Contro lo Scordia Il Modica deve dunque dimostrare di esserci più con la testa prima che con le gambe per non perdere il treno dell´alta classifica. Il tecnico può contare su tutti gli effettivi ed intende dare la "rivincita" a quanti sono andati in campo a Rosolini per dimostrare che si è trattato solo di uno spiacevole episodio.