Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1314
MODICA - 10/07/2013
Sport - Volley: si punta alla valorizzazione dei giovani ed al consolidamento delle società

Volley Modica e Pro Volley rinunciano al ripescaggio

Militeranno rispettivamente in serie B2 e in serie C Foto Corrierediragusa.it

No grazie, restiamo dove siamo. Sembrano essersi passati la parola i dirigenti di Volley Modica e Pro Volley Team che nei giorni scorsi hanno declinato l´invito ad acquisire i titoli sportivi per militare in serie superiore. Il Volley Team, nella scorsa stagione arrivato per la prima volta in B2, ha avuto la possibilità di acquisire il titolo del Giarratana, società retrocessa dalla B1 ma ripescata nella stessa categoria. Il direttore generale della società modicana, Giorgio Scavino ed il presidente Luca Cataldi hanno preferito restare con i piedi a terra.

Dice Scavino: "Abbiamo rinunciato a malincuore ma non ci siamo voluti imbarcare in ´avventura che avrebbe potuto comportare anche la scomparsa delle società per i gravosi impegni finanziari del campionato. Abbiamo optato per una squadra fatta in casa, con elementi locali che lo scorso anno hanno fatto già esperienza. Vogliamo prima assestarci sia dal punto di vista tecnico sia sportivo e poi magari puntare più in alto". Stesso discorso per il direttore sportivo del Pro Volley Team, Enzo Garofalo. Il sestetto militante in serie C ha chiuso la stagione alla semifinale play off contro Castelvetrano andando ben al di là delle previsioni della vigilia. Squadra giovane con qualche buona individualità. Il Pvt ha avuto un contatto con il Kamarina di serie B2 in gravi difficoltà economiche ma il presidente Bartolo Ferro ed il ds hanno tenuto duro.

"Restiamo in serie C - dicono all´unisono- Anzi penseremo a ridurre le spese di gestione puntando su altre atlete locali. La società è sana e non vogliamo svenarci nè indebitarci. Il nostro sarà un progetto per il mantenimento della categoria e per la valorizzazione delle giovani del vivaio. Di più non possiamo fare".