Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1053
MODICA - 17/06/2013
Sport - Volley: dirigenti ed atleti hanno chiuso la stagione con una cena sociale

Il nuovo Volley Modica sarà dei giovani

Il presidente Gianluca Cataldi resterà alla guida del sodalizio con Giorgio Scavino direttore sportivo

Il Volley Modica ha chiuso ufficialmente la stagione con una cena sociale. Tutti a casa ed arrivederci a fine luglio. Il presidente Gianluca Cataldi ed il direttore sportivo Giorgio Scavino hanno ringraziato il tecnico Di Grandi e tutti i giocatori per quanto hanno fatto nel corso della stagione che si è conclusa con un quarto posto. «E’ un risultato di grande qualità – dice Giorgio Scavino – Eravamo una matricola ed abbiamo fatto un girone di ritorno alla grande tanto da recuperare tutto il terreno perduto in avvio».

Il presidente Cataldi ha confermato l’impegno della sua azienda anche per la prossima stagione anche se le risorse economiche saranno di meno. Il Volley Modica avrà dunque un futuro giovane e punterà a salvare la categoria con molto onore. «Lo faremo sicuramente con i nostri giovani – dice ancora Scavino – Ne abbiamo di validi e già pronti per un campionato impegnativo come la B2. su di loro per non dissanguare le casse della società; per non fare scomparire una realtà importante del volley nella nostra città e per valorizzare le risorse umane che la città è in grado di esprimere in campo pallavolistico. Ci muoveremo su questa linea e parleremo chiaro ai ragazzi che nell´ultima stagione si sono presi i complimenti da parte di tutti. Siamo che non possiamo trattenere elementi di valori dello scorso campionato. Per quelli che potrebbero rientrare nel nostro budget saremmo ben lieti di poterli confermare". Per la guida tecnica Peppe Di Grandi dovrebbe restare ma dovrà adeguarsi alle scelte della società ed alla nuova realtà.